Firenze, muore a 45 anni per la meningite C. Non era stata vaccinata

di Redazione | 21/11/2016

toscana meningite c

Era arrivata in condizioni gravissime al pronto soccorso del Santa Maria Nuova all’alba di oggi una donna di 45 anni morta stamattina intorno alle 7 nell’ospedale fiorentino. La causa? Meningite C.

LEGGI ANCHE: Calo dei vaccini: in Italia torna la difterite

FIRENZE MENINGITE C FA UNA VITTIMA: NON ERA VACCINATA

A seguito del decesso i sanitari hanno svolto una serie di accertamenti e tra questi anche l’esame di PCR, inviato al laboratorio di immunologia della AOU Meyer di Firenze che ha confermato la diagnosi di sepsi da meningococco di tipo “C”. Le strutture di igiene e sanitá pubblica si sono immediatamente attivate per effettuare l’indagine epidemiologica al fine di identificare i contatti stretti da sottoporre a profilassi. La donna era residente a Firenze e da un controllo effettuato al data base dell’Azienda Sanitaria è risultato che non si era vaccinata contro il Meningococco C.

I DATI SULLA MENINGITE IN TOSCANA

Dall’inizio del 2015 ad oggi, in Toscana sono 56 i casi di Meningite da meningococco C: 31 nel 2015, 25 nel 2016. Nel 2015, i casi di Meningite notificati sono stati complessivamente 38: 31 da meningococco C, 6 B, 1 W, 1 non noto. Nel 2016, ad oggi i casi notificati sono 34: 25 di ceppo C, 6 B, 1 W, 1 X, 1 non tipizzabile. A dare le cifre del fenomeno la Regione Toscana. Nel 2015 sono decedute 7 persone: 6 che avevano contratto il ceppo C e 1 per il ceppo B. Nel 2016 sono decedute 5 persone, tutte per il ceppo C. Dall’inizio della campagna vaccinale straordinaria (fine aprile 2015) al 31 ottobre 2016, sono state somministrate in totale 717.457 vaccinazioni: 194.958 nella fascia di età 11-20 anni; 326.643 nella fascia 20-45; 195.856 dai 45 anni in su. Al 31 ottobre, risulta che abbia aderito il 77% dei pediatri di famiglia e l’85% dei medici di medicina generale. Per quanto riguarda i nuovi nati (che non rientrano nella campagna straordinaria di vaccinazione), a 24 mesi di eta’ (quindi nati nel 2013) risulta una copertura del 91%.

(foto da archivio Ansa)