La Guardia di Finanza ha bloccato 152 siti per film streaming e dirette calcio

di Redazione | 11/11/2016

film streaming

Altadefinizione, Cineblog, DirettaCalcioStreaming, roja-directa, filmsenzalimiti, Guardacalcio e tanti altri ancora. Giro di vite sui siti che propongono film streaming: dalle serie tv fino alle ultime uscite al cinema. La Guardia di finanza, su disposizione del gip del Tribunale di Roma Alessandra Boffi, ha messo sotto sequestro vari siti internet di riferimento per vedere in diretta eventi sportivi calcistici o pellicole. Il decreto del giudice riguarda 152 diversi indirizzi web ed è stato notificato ai provider utili per l’accesso ad internet in Italia.

LEGGI ANCHE: Facebook ferma la trasmissione dei dati a WhatsApp

COME LA GUARDIA DI FINANZA HA BLOCCATO I SITI PER FILM STREAMING

Secondo l’avvocato Fulvio Sarzana, che assiste diversi operatori di rete, quello disposto dal giudice «è il sequestro più imponente della storia dell’internet italiano in considerazione del numero dei siti coinvolti. In precedenza il numero più alto di portali coinvolti in una singola operazione di sequestro era stato di 124 siti».
I Finanzieri del Nucleo Speciale per la Radiodiffusione ed Editoria, concentrandosi sul fenomeno dello streaming di contenuti tutelati dal diritto di autore, hanno scoperto 152 siti internet che mettevano illegalmente a disposizione degli utenti film, anche di prima visione, ed eventi sportivi nazionali ed internazionali e che risultano aver avuto svariati milioni di accessi. L’Autorità Giudiziaria capitolina, confermando le ipotesi di reato ipotizzate, ha quindi disposto per i siti incriminati il provvedimento di sequestro preventivo, disponendo nell’immediato il blocco, mediante oscuramento dall’Italia, dell’accesso all’url. I domini denunciati, inoltre, si avvalevano della cosiddetta «esterovestizione» ovvero, attraverso servizi di anonimizzazione si presentavano come localizzati all’estero. L’operazione della Gdf è ancora in corso di esecuzione da parte dei militari del Nucleo Speciale attraverso 69 provider nazionali mentre proseguono anche le indagini, volte a identificare le persone coinvolte nell’illecita attività.

(Photo credit should read KATE DWEK/AFP/Getty Images)