Parla una escort: «Essere una tangente mi fa sentire preziosa»

di Redazione | 27/10/2016

escort

«Spesso sono stata usata come regalo, al posto dei soldi. Essere una tangente mi fa sentire preziosa». È quanto raccontato stamane a Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttori del programma ‘ECG’, in onda su Radio Cusano Campus, da una escort della Roma bene, che ha confessato di essere stata utilizzata spesso proprio come mazzetta, come favore per potenziali clienti. Si tratta di un ‘sistema’ tornato nuovamente al centro dell’attenzione con le inchieste sul giro di favori (comprese serate con prostitute) in cambio di appalti sulle grandi opere, che hanno portato all’arresto (ordinanze esguite ieri) di 35 persone in tutta Italia.

 

LEGGI ANCHE: Corruzione, non solo mazzette: favori, escort e serate hot per gli appalti sulla Tav

 

LA ESCORT RACCONTA: «IO COME UN REGALO, AL POSTO DEI SOLDI»

La escort, una delle più richieste nella Capitale, ha spiegato: «Spesso le escort vengono usate al posto dei soldi per corrompere qualcuno o per fare un regalo. Tante volte mi è capitato di essere regalo per un qualcosa, magari dei fornitori che per prendersi un appalto oppure una fornitura regalano una notte con una escort, questo mi è capitato tante volte. Io per esempio ho degli amici importanti, imprenditori, si parla di grandi livelli. Non voglio scendere troppo nei dettagli, ma magari producono delle cose e per venderle hanno bisogno di un aiuto… Una notte con la escort può essere sicuramente un bel regalo, un grande aiuto, per prendere un appalto o convincere qualcuno ad acquistare da te delle forniture».

LA ESCORT RACCONTA: «NON MI SENTO UMILIATA»

Succede, dunque, che l’uomo d’affari contatta la escort e le propone poi avere rapporti con colleghi, soci o clienti. «Allora – ha raccontato ancora Sofia (nome di fantasia, ndr) a Radio Cusano Campus – l’imprenditore di turno mi chiama, mi paga e mi chiede di stare una notte con il suo amico… Mi è capitato tante volte, non è che scendono nei dettagli, ma non sono scema e capisco bene di cosa si tratta. Ci si incontra in alberghi discreti e si fa quello che si deve fare. Io non mi sento umiliata da questa cosa, anzi. Mi fa sentire preziosa».

(Foto: una escort a Francoforte. Immagine da archivio Ansa. Credit: BORIS ROESSLER / dpa)