|

Cinema Paradiso? Sì grazie, ma Erotic, siamo inglesi.

27 ottobre 2016, una data da ricordare. Apre oggi infatti a Londra l’ Erotic Paradiso Cinema, una bomboniera di 30 posti, come direbbe il miglior agente Tecnocasa, dove gli amanti del cinema hard d’autore potranno sfogare i loro desideri con stile.

L’idea è di Matthew Holroyd, direttore creativo di Baron & Baroness, una delle riviste d’arte erotica più famose del Regno Unito, che ha pensato fosse arrivato il momento di sdoganare il modo di fruire di un certo tipo di spettacolo, slegandolo dalla sordida impressione che i cinema a luci rosse hanno sempre dato alla collettività.

LEGGI ANCHE: L’UNIVERSITÀ DEL PORNO, IL NUOVO SOGNO DI ROCCO SIFFREDI

L’Erotic Paradiso è l’ultimo cinema di questo tipo a Londra. Pensare che luoghi di questo tipo chiudano perché mostrano atti sessuali espliciti sono la prova che la società moderna ha un rapporto conflittuale con la sessualità”. Holroyd ha le idee chiare in merito e spiega qual è l’obiettivo di questo progetto. “Nel nostro piccolo quello che vorremmo fare è ripensare questo concetto. Erotismo e pornografia sono da sempre una delle maggiori fonti d’ispirazione di cinema e televisione e sono una proiezione di ciò che la maggioranza delle persone trova sensuale. Il cinema è la forma critica di questo concetto”.

Il biglietto costa 10£, è compreso anche un drink per scaldare ancora di più le serate, godendo di una programmazione che vede titoli come “The Last Peep Show in Soho”, la lesbo commedia romantica “Tokio Midnight” di Eori Wakakuwa (questo davvero bello), i thriller “My Little Cupcake” e “Angel”. Una particolarità davvero interessante: la maggior parte dei film sono diretti da registe, un trend rappresentato in Italia dal collettivo Le ragazze del Porno, che ha visto il suo primo piccolo film presentato al Pesaro Film Festival quest’estate, Queen Kong di Monica Stambrini, con la pornostar Valentina Nappi protagonista. E un secondo è in questi giorni al Porn Film Festival di Berlino, Insight di Lidia Ravviso, regista che oltretutto vive proprio a Londra.

Chissà che non vadano anche loro in Paradiso.