Cosa mangiano i vegani? Gli alimenti NO e le migliori alternative ai prodotti animali

di Redazione | 11/08/2016

cosa mangiano i vegani

Cosa mangiano i vegani

Capita sempre più spesso di conoscere persone che hanno deciso di adottare uno stile di vita vegano e un’alimentazione che rispetti questa scelta. Ma cosa significa essere vegani? Il veganesimo è un movimento antispecista fondato sul rifiuto di ogni forma di sfruttamento animale nell’ambito dell’alimentazione, della moda, dello spettacolo, della sperimentazione scientifica e qualsiasi altra forma che preveda uno sfruttamento animale per scopi esclusivamente dettati da interessi umani. Inoltre, chi sceglie questa dieta, lo fa spesso anche per una questione di sostenibilità ecologica e ambientale, tutelando così lo sfruttamento delle risorse non solo animali, ma anche vegetali, spesso causato dal mercato degli allevamenti intensivi.

LEGGI ANCHE: Come sostituire lo strutto

Questo implica una serie di scelte etiche legate al proprio stile di vita a 360° e, ovviamente, l’alimentazione fa parte di queste scelte. Anzi, spesso è proprio il primo passo che compie un individuo deciso ad adottare la filosofia vegan. Ovviamente non ci sono regole fisse da seguire e ognuno è libero di scegliere la propria strada secondo il proprio arbitrio e le proprio possibilità (i prodotti vegani sono in media più costosi rispetto a quelli che utilizzano elementi animali, in quanto più rari). Allo stesso tempo, però, esiste ancora un po’ di confusione tra l’alimentazione vegetariana e quella vegana ed è bene fare un po’ di chiarezza prima di capire se si vuole intraprendere questo tipo di dieta. Cosa mangiano i vegani?

Cosa mangiano i vegani: differenze tra dieta vegetariana e dieta vegana

Come vi abbiamo spiegato, la filosofia vegan rifiuta qualsiasi tipo di sfruttamento animale e va ben oltre l’uccisione della specie a scopo alimentare. Il sito veganhome spiega alla perfezione le differenze tra una scelta vegetariana e quella vegana, ecco quanto riportato:

Una persona vegetariana è una persona che non mangia animali, di nessuna specie. Di terra, d’acqua, d’aria. Un vegetariano non mangia carne di nessun tipo né pesce. Una persona vegan, oltre a non mangiare animali non mangia nemmeno i loro prodotti.

 

È così infatti, la filosofia vegan rifiuta quindi qualsiasi pratica che possa nuocere la specie animale, uccidendola o facendola soffrire. Parliamo quindi di una scelta basata sul rifiuto non solo della macellazione, ma di qualsiasi condizione (come ad esempio, gli allevamenti intensivi) che possano danneggiare lo stato di benessere di qualsiasi animale. Quella vegana è quindi un’alimentazione che richiede una selezione maggiore rispetto a quella vegetariana, vediamola nello specifico.

LEGGI ANCHE: Frumina, fecola e maizena: quali sono le differenze e quali usare

Cosa mangiano i vegani: gli alimenti NO

Carni di qualsiasi tipo, quindi, ma non solo. I vegani scelgono di non mangiare anche formaggi, latte animale, uova, cereali non integrali e derivati preparati con farine 00 non integrali, burro, miele, pasta all’uovo, bevande alcoliche e cioccolato prodotto con latte animale. Questi sono alcuni tra gli esempi più comuni, ma per un vegano è importante controllare ogni prodotto in quanto è molto facile trovare ingredienti di origine animale anche negli alimenti più insospettabili. Tra questi il pane, ad esempio, che può contenere lo strutto o alcune patatine fritte contenenti il sego, grasso derivato dalle mucche. Bisogna prestare attenzione anche a tutti gli alimenti che possono contenere la colla di pesce, usata come addensante in birre e dolci o la lanolina, ottenuta dal vello degli ovini e presente in alcune gomme da masticare. Insomma, seguire un’alimentazione vegana non è affatto semplice, ma neanche impossibile. Ecco cosa mangiare!

Cosa mangiano i vegani: alimenti sostitutivi per una dieta vegana

Come dicevamo, mangiare vegan può essere impegnativo, ma di certo non impossibile! Si può infatti seguire un regime alimentare corretto e salutare scegliendo le giuste alternative ai prodotti di origine animale. Il tofu, ad esempio, è uno dei sostituti più comuni della carne. In soli 100 gr si possono trovare circa 15 gr di proteine, la metà di quelle presenti nella stessa quantità di pollo. È consigliabile quindi accompagnarlo sempre con qualche alimento integrativo, come le noci o i semi di sesamo. Un altro sostituto molto comune è il seitan, composto da glutine di grano e contenente le stesse proteine e meno grassi della stessa quantità di carne macinata. Infine, il tempeh (derivato dalla fermentazione di semi di soia interi) e i ceci sono ricchissimi di proteine e sono perfetti per sostituire la carne.

Passiamo ai sostituti dei latticini: conoscerete ormai tutti il latte di soia, di riso, di mandorle e così via. Ne esistono ormai tantissime varietà, facilmente reperibili in qualsiasi supermercato e perfetti anche per tutti coloro che soffrono di intolleranze al latte e derivati. Semi di lino e salsa di mele invece possono sostituire le uova (assicurando un minore apporto di colesterolo), mentre al posto del classico burro possono essere utilizzati margarina di soia e burro di cocco. Infine per i dolcificanti abbiamo sciroppo di agave e sciroppo d’acero mentre per gli addensanti, se si vuole cucinare un bel dolce, l’agar e l’amido di mais.

Questi sono solo alcuni degli alimenti sostitutivi che potrete trovare facilmente in commercio. Se state seriamente pensando di adottare uno stile di vita alimentare vegano, vi consigliamo di continuare a informarvi e di iniziare a immergervi in questa affascinante filosofia di vita!

(Photocredit copertina: Jack Guez / Getty Images)