Chi è Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il killer dell’attentato a Nizza

di Redazione | 15/07/2016

Mohamed Bouhlel

Mohamed Bouhlel

Ora l’attentatore è stato identificato. Mohamed Lahouaiej Bouhlel: questo il nome del killer che guidava il camion a Nizza.  Lo scrive su Twitter Nice-Matin, il principale quotidiano locale. L’uomo era conosciuto per alcuni reati ma nulla che fosse collegato al terrorismo. Aveva una crisi familiare (alcuni media parlano di un divorzio in corso) e alcuni problemi economici. L’uomo era conosciuto alla polizia per piccoli atti di violenza, possedeva una pistola, ma non era ritenuto affiliato all’Isis. Aveva subito un processo per violenza lo scorso marzo.

Leggi anche: I bambini tra le vittime dell’attentato a Nizza: almeno 2 morti, 54 ricoverati

Secondo quanto riferito da alcuni media tunisini, l’autista non sarebbe franco-tunisino ma un emigrato tunisino di 31 anni, residente in Francia dal 2011, con un permesso di soggiorno ottenuto grazie al matrimonio con una franco-tunisina residente a Nizza e dalla quale ha avuto tre figli (ora in stato di fermo). Bouhlel è originario della città di Msaken nel governatorato di Sousse. Secondo alcune fonti di polizia locali citate dai media, il padre sarebbe noto come estremista islamico ed iscritto al partito islamico Ennhadha. Il sindaco della città di Msaken si sarebbe recato questa mattina presso la casa di famiglia di Mohamed senza trovarvi nessuno al suo interno.

MOHAMED BOUHLEL: IL FRANCO TUNISINO DI 31 ANNI

Mohamed Lahouaiej Bouhlel era un franco tunisino di 31 anni, che «è stato neutralizzato da un uomo e due poliziotti». Lo ha detto Eric Ciotti, presidente del Dipartimento delle Alpi Marittime, a France Info. Uno dei due poliziotti eroi che ha neutralizzato il killer di Nizza, è una donna. «Una persona è saltata sul camion per tentare di fermarlo – ha detto Ciotti -. E’ a quel momento che la polizia è stata in grado di neutralizzare questo terrorista. Non dimenticherò mai il viso di questa poliziotta che ha intercettato il killer».

Segui la diretta > Attentato a Nizza: un camion contro la folla, spari dal veicolo: almeno 84 morti

 

PERQUISITA LA CASA DI MOHAMED LAHOUAIEJ BOUHLEL

Intanto è stata perquisita la casa di Mohamed Lahouaiej Bouhlel. A riferirlo è  l’AFP. La casa perquisita si trova ad avenue Henri Sappia al nord di Nizza.

MOHAMED BOUHLEL ERA SPOSATO CON FIGLI

L’attentatore, secondo quanto riferiscono alcuni media locali, era sposato e padre di tre figli. Amava la salsa e non era molto religioso. 

Da quando era iniziata la procedura per il divorzio dalla moglie, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l’attentatore di Nizza, appariva “depresso e instabile”. A riferirlo è l’emittente BfmTv. Il bambino più piccolo di Mohamed ha tre anni.

COME HANNO FERMATO MOHAMED LAHOUAIEJ BOUHLEL, IL GUIDATORE DEL CAMION DI NIZZA

Come riporta Le Figarò Mohamed  era armato ma non ha inizialmente sparato. Tre poliziotti, vedendo la scena, hanno iniziato a seguire il camion, percorrendo 200 metri.
A un certo punto il mezzo ha incontrato l’ostacolo del marciapiede. Ha quindi virato verso il Palazzo del Mediterraneo, dove la folla era più fitta. Lì ha fatto il maggior numero di vittime , quasi una trentina, secondo alcuni testimoni .
Quando la poliziotta eroica è riuscita a salire sul camion è in quel momento che Mohamed ha iniziato a sparare. Due poliziotti, avendo l’obiettivo sotto tiro, hanno aperto poi il fuoco colpendo il guidatore. La pioggia di proiettili è aumentata con l’arrivo di una ulteriore squadra. Si contano 50 fori sopra il parabrezza della vettura.

(foto copertina ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/Getty Images)