rapinatori gomorra
|

Selfie da Scampia e pistola in mano: in manette giovani rapinatori fan di Gomorra (del Nord Italia)

Foto come il clan dei Savastano, Scampia e tanta tanta Gomorra. Questi i profili Facebook dei due baby rapinatori arrestati dai militari di Rho. Marco C. e Marco P, 19 e 21 anni, il primo di Garbagnate Milanese, l’altro di Pioltello, quartiere Satellite, pregiudicati, prendevano di mira soprattutto i ragazzini, ai quali portavano via soldi e cellulari sui treni o alle stazioni ferroviarie nella provincia di Varese.
La loro storia la racconta Roberta Nunnari nell’edizione milanese de Il Corriere della Sera. I due erano decisamente fan della serie Gomorra. A inchiodarli le telecamere di sorveglianza:

Due amici in primo piano per una foto con lo smartphone. I capelli rasati ai lati, i baffetti appena accennati. E le «Vele» di Scampia sullo sfondo. Cartolina da Napoli, per due ventenni dell’ hinterland milanese arrestati per una serie di rapine sui treni e, come hanno accertato i carabinieri, fan devoti della fiction Gomorra.
Attratti al punto da diffondere, tramite social network, immagini ricordo di loro due nel degradato quartiere napoletano, simbolo della popolare serie televisiva. Non il Vesuvio, o il Golfo, ma Scampia.

LEGGI ANCHE – Latitanti, postavano foto su Facebook: coppia italo-colombiana arrestata per traffico internazionale di stupefacenti

Anche nel look…

Sedotti dall’ ideale del «guappo di periferia» tanto da emularne l’ aspetto esteriore (l’ acconciatura, i tatuaggi, la catena o il rosario al collo) e gli atteggiamenti, tra foto in posa con le armi (giocattolo) in pugno, la mazzetta di banconote in mano, lo sguardo da «duri». Foto corredate da commenti ed «emoticon», perché va bene atteggiarsi, ma non era neanche il caso di prendersi troppo sul serio.

Mode sempre più diffuse tra la bassa manovalanza criminale, come riferiscono dal comando provinciale dell’ Arma di via Moscova, e non solo. Caso recente: la banda smantellata dai carabinieri di Vigevano nell’ operazione «Cave canem», dedita ad estorsioni, traffico d’ armi e truffe, aveva in Gomorra una delle sue fonti di ispirazione per sancire il loro controllo del territorio nella provincia pavese.