I migranti con la pensione sociale, truffa da 5,6 milioni all’Inps

di Redazione | 07/07/2016

Migranti di varia nazionalità che avevano dichiarato la loro residenza in Italia mentre da tempo erano ritornati nei loro Paesi riscuotevano dall’Inps una pensione sociale. È la maxi-truffa all’Istituto di Previdenza scoperto in seguito ad un indagine della Guardia di Finanza di Bari, che ha condotto alla denuncia di 174 persone.

MAXI-TRUFFA DA 5,6 MILIONI ALL’INPS

Gli stranieri avrebbero continuato a beneficiare di pensioni sociali da circa 450 euro al mese per un importo totale di 5,6 milioni di euro. Le 174 persone denunciate sono tutte ‘over 65’. L’operazione è stata denominata ‘Eldorado’ ed è stata condotta dai militari del Gruppo Pronto Impiego Bari e della Tenenza di Altamura della Guardia di Finanza. A quanto emerso tutte le persone coinvolte si servivano di congiunti in Italia per incassare l’assegno sociale. Le residenze dei migranti risultavano essere in particolare nei comuni di Bari, Barletta, Andria e Trani. Le indagini sono state coordinate dalle Procure di Bari e di Trani. Ad esse hanno anche partecipato funzionari delle direzioni provinciali Inps di Bari e di Andria.

(Foto di copertina: un controllo della polizia ad uno straniero in strada. Credit: ANSA / MASSIMO PERCOSSI)

TAG: Inps, migranti