Lavello (Potenza), esplosione e crollo in una palazzina: 3 morti e 3 feriti

di Redazione | 06/07/2016

Lavello Potenza esplosione crollo morti feriti

Tre persone sono morte e altre tre sono rimaste ferite nel crollo di un solaio in una palazzina, a Lavello (comune di oltre 13mila abitanti in provincia di Potenza), per lo scoppio di una bombola di gas. Sul posto vi sono squadre di soccorritori: mezzi dei Vigili del Fuoco e ambulanze. L’edificio in cui è avvenuta la tragedia si trova precisamente in via Machiavelli 58, nel rione Giardino, a ridosso del centro antico. La deflagrazione è avvenuta, intorno alle 20, in un appartamento al piano seminterrato.

 

 

Lavello Potenza esplosione crollo morti feriti
I soccorsi a Lavello dopo l’esplosione e il crollo (Foto: ANSA / TONY VECE)

 

LAVELLO, ESPLOSIONE E CROLLO: 3 MORTI

Delle tre vittime, tutte donne, due facevano parte della stessa famiglia: la terza invece è stata investita dal crollo di una parete perimetrale del palazzo. Tra le vittime ci sono Raffaella Triggiani, 94 anni, e sua figlia Pinuccia Finiguerra, di 60 anni. La nipote della Finiguerra invece, una bambina, inizialmente dispersa, è stata ritrovata viva. Altra vitttima è una donna romena di 31 anni, Alina Costea.

 

 

LAVELLO ESPLOSIONE E CROLLO: MORTI ALL’ISTANTE

A quanto emerso dopo i primi accertamenti dei Vigili del Fuoco, lo scoppio è avvenuto nell’abitazione della 31enne Costea, un seminterrato in via Machiavelli. La deflagrazione ha provocato il crollo di un solaio della casa occupata dalla 94enne Triggiani e dalla figlia. Le tre donne sono morte all’istante. Costea era arrivata a Lavello una decina di giorni fa con l’intenzione di trovare un posto da badante in una famiglia del paese. E aveva trovato occupazione proprio nel seguire l’anziana Triggiani.

LAVELLO, ESPLOSIONE E CROLLO: 3 FERITI

Per quanto riguarda i feriti, tre persone sono state trasportate all’ospedale di Melfi (sempre in provincia di Potenza) dalle ambulanze del 118. Precisamente a rimanere feriti nell’esplosione sono stati due vicini di casa che, subito dopo il crollo hanno anche cercato di prestare soccorso rimuovendo alcune macerie. Le ferite subite sono state lievissime. I due sono stati solo medicati, mentre un terzo è stato portato in ospedale in preda ad un forte attacco di panico.

LAVELLO, ESPLOSIONE E CROLLO: MESSAGGI DI DOLORE

Alla notizia di quanto accaduto sono cominciati ad arrivare alle famiglie delle vittime messaggi di vicinanza. «Profondo dolore per la tragedia che ha provocato la morte di tre donne a Lavello. Tutta la regione Basilicata vicina alle famiglie», ha scritto su Twitter il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella.

 

 

«L’esplosione – ha dichiarato poco dopo l’esplosione il sindaco di Lavello Sabino Altobello ai giornalisti – si è sentita in tutto il paese. Siamo profondamente addolorati e anche la sorte di Alina Costea ci lascia sgomenti perché abbiamo fatto dell’accoglienza uno dei punti principali della nostra azione. Domattina consulterò i consiglieri comunali ma credo che tutti saranno d’accordo a proclamare il lutto cittadino».

(Immagine di copertina da archivio Ansa)