saldi estivi 2016 trucchi
|

Saldi estivi 2016: i consigli delle associazioni dei consumatori

Si avvicinano i saldi estivi 2016 Evento fondamentale di una società dei consumi come la nostra, il “rito” dei saldi contiene però dei “problemi”, dei piccoli incidente che si può e si deve evitare. Sicuramente avvicinarsi ai saldi 2016 con qualche suggerimento è cosa buona e giusta. Secondo il Codacons, anche questi saldi, non regaleranno grandi risultati ai tanti negozianti che li aspettano come salvifici. Lo scontrino medio – che sarà variabile da zona a zona d’Italia, comunque non dovrebbe crescere più di tanto. Almeno questo è quanto sostiene Carlo Rienzi del Codacons, e soprattutto non si sa su cosa basi la sua analisi il Codacons. Anche perché il comunicato non esplicita i dati da cui queste previsioni vengono fatte.

LEGGI > CALENDARIO SALDI ESTIVI 2016

Nessuna corsa all’acquisto per i saldi estivi 2016 ma le vendite saranno sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno. Lo afferma il Codacons, che ha realizzato il consueto monitoraggio sulla propensione all’acquisto delle famiglie durante gli sconti di fine stagione che prenderanno ufficialmente il via il prossimo 2 luglio in tutta Italia (ad eccezione della Sicilia).
“Presso i consumatori si registra cauto ottimismo e una stabilità nella propensione alla spesa durante i saldi rispetto allo scorso anno – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Non ci sarà alcuna impennata delle vendite né corsa all’acquisto, e la spesa media degli italiani sarà in linea con quella del 2015, con uno scontrino medio che si attesterà attorno ai 67 euro procapite”.
L’andamento degli sconti di fine stagione, tuttavia, non sarà omogeneo sul territorio e forti differenze si registreranno anche in base alla tipologia di esercizio commerciale.
“Il commercio nelle regioni del sud Italia continuerà a soffrire anche durante i saldi, a differenza del centro e soprattutto del nord Italia, dove le vendite avranno un andamento migliore – spiega Rienzi – Ciò, tuttavia, non varrà per tutti i negozi: ad outlet e centri commerciali andrà infatti la fetta più grande della torta, con maggiore afflusso di consumatori e concentrazione delle vendite, assieme alle boutique d’alta moda che potranno contare sugli acquisti dei turisti stranieri. A tutto svantaggio dei piccoli negozi e delle periferie, che vedranno una riduzione del giro d’affari”.

LEGGI ANCHE > SALDI ESTIVI 2016 QUANDO INIZIANO A ROMA E MILANO

SALDI ESTIVI 2016 TRUCCHI E CONSIGLI

Ed ora vediamo come avvicinarsi con saggezza a e con alcuni consigli saldi estivi 2016