virginia raggi olimpiadi roma 2024
|

Come è andata davvero la storia di Maria Elena Boschi che non saluta Virginia Raggi

Sui social si parla della prima uscita con la fascia tricolore del sindaco di Roma Virginia Raggi. Secondo quanto riportano alcune testate durante l’evento all’Università Pontificia Lateranense la neoeletta sarebbe stata ignorata da alte cariche dello Stato come il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi. In effetti, come dimostrano le interessanti immagini del Fatto Quotidiano, non avviene nessun contatto tra il ministro Boschi e la neoeletta M5S. E c’è chi sui social parla di mancata stretta di mano e scortesia da parte del ministro. Ma come sono andate veramente le cose?

virginia raggi boschi
ANSA/GIORGIO ONORATI

VIRGINIA RAGGI BOSCHI E IL DANNATO CERIMONIALE

Partiamo dal video del Fatto Quotidiano che in effetti testimonia il gelo tra le due. A definire la situazione però è un pezzo de il Giornale dal titolo Raggi umiliata da Boschi: il ministro le passa davanti senza salutare“. 

Una scena davvero poco edificante, replicata poi in occasione dell’arrivo del ministro per la Pubblica Amministrazione Marianna Madia e di quello degli Interni Angelino Alfano (i due, si dice però, hanno “recuperato” poi in privato). Anche il vicesegretario Pd Lorenzo Guerini e il capogruppo dem alla Camera Ettore Rosato sono passati davanti alla Raggi senza degnarla di uno sguardo

 

LEGGI ANCHE

I primi passi di Virginia Raggi: l’arrivo in taxi con gli applausi degli ultras 5 stelle

VIRGINIA RAGGI E IL TWEET DI DIBBA SULLA BOSCHI

Niente cerimoniale? Cafonaggine? La notizia è stata rilanciata da un membro del direttorio: il deputato 5 stelle Alessandro Di Battista, che ha twittato:

virginia raggi boschi

In realtà il saluto c’è stato ma è sfuggito a diversi cronisti. A dimostrarlo è la replica del deputato del Pd Ernesto Carbone sotto il tweet di Di Battista, con tanto di fotografia che testimonia una “entusiasmante” stretta di mano tra le due. Un fotomontaggio? No. La stretta di mano c’è stata, come dimostra il Corriere della Sera: durante lo scambio di pace nella messa. A chiarire davvero come sono andate le cose è il Messaggero, in un trafiletto pubblicato stamane a pagina 8.

VIRGINIA RAGGI, BOSCHI E IL BREVE “IN BOCCA AL LUPO”

Ecco cosa riporta Il Messaggero:

Prima l’incontro nell’Aula magna dell’università pontificia. Maria Elena Boschi: «Auguri, in bocca al lupo». Virginia Raggi, sorriso di circostanza: «Grazie». Poi la processione fino a San Giovanni con tutte le più alte cariche istituzionali del Paese. La neo sindaco è finita in prima fila sulla navata sinistra. E appena è arrivata ha provato a non sedersi a fianco del ministro Boschi, preferendo una posizione più defilata in compagnia di Rosy Bindi. Ma dal cerimoniale del Vaticano sono stati inflessibili. E così Virginia e Meb sono state vicine. Parole scambiate: zero.

Comprensibile che a molti cronisti sia sfuggito il saluto nell’Aula magna. Il cerimoniale è passato in secondo piano rispetto al gelo, evidente, tra le due. Ma alla fine la stretta di mano c’è stata. I sorrisi decisamente no. Intanto chi ha twittato il disonore di “Maria Etruria” replica così:

Tutto è bene quel che finisce bene. L’unica cosa certa della vicenda è che tra le due fazioni c’è tanta, tanta simpatia.

(in copertina foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)