Caso Raggi, Procura apre un fascicolo senza indagati

di Redazione | 22/06/2016

caso raggi

La procura di Roma ha aperto oggi un fascicolo sul caso della consulenza di Virginia Raggi all’Azienda sanitaria locale di Civitavecchia, senza ipotesi di reato e senza indagati. Il fascicolo è stato aperto dopo l’esposto presentato dall’associazione Anlep che scatenò non poche polemiche alla vigilia del voto. Anche perché venne presentato da Renato Ienaro, vicepresidente dell’Anlep e dirigente del Partito Democratico del Lazio.

PROCURA DI ROMA APRE UN FASCICOLO SUL CASO RAGGI

Spiega l’agenzia Ansa:

Raggi aveva ricevuto due incarichi di recupero crediti dall’Asl: uno nel 2012 e l’altro nel 2014, ma fino al 2015, in anni in cui era consigliera comunale a Roma, non li aveva mai dichiarati. La legge sulla trasparenza prescrive invece che i titolari di incarichi politici comunichino “i dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti”.