Maturità 2016
|

Maturità 2016: le prove, le date, le materie, le tracce

Il 22 giugno cominciano gli esami di Maturità 2016, i test che consentiranno a centinaia di migliaia di studenti di conseguire il diploma di scuola media secondaria e proiettarsi nel mondo dell’università o del lavoro. Gli allievi devono affrontare tre prove scritte ed una orale.

 

Date Esame di Maturità 2016, il calendario delle prove

 

Gli esami di Maturità 2016 cominciano mercoledì 22 giugno con la prova scritta di italiano, uguale per tutti gli studenti a livello nazionale. Sui banchi 503.452 studenti, 487.476 interni e 15.976 esterni, con 12.554 commissioni d’esame che incaricati di esaminare 24.991 classi. Si concludono poi a luglio con le prove orali. Giovedì 23 giugno è il giorno della seconda prova scritta, che consiste in un test di differente materia a seconda del tipo di liceo o istituto. Le materie, come ogni anno, sono state scelte con un sorteggio e rese note dal Ministero dell’Istruzione. Lunedì 27 giugno è il giorno della terza prova scritta, che, a differenza della seconda prova scritta, varia da istituto a istituto e non viene quindi scelta dal Miur. Per quanto concerne invece il giorno di inizio della prova orale, la decisione viene lasciata ai singoli istituti. Il Ministero non indica una data specifica. Alcune scuole decidono di cominciare i colloqui uno o due giorni dalla terza prova, altri lasciano trascorrere ancora qualche giorno.

PRIMA PROVA MATURITÀ 2016

La prima prova scritta di italiano (di mercoledì 22 giugno) è uguale per tutti gli studenti italiani. Le tracce, scelte dal Ministero dell’Istruzione, sono quindi le stesse per ogni istituto a livello nazionale. Il test consiste in quattro tipologie di tracce: analisi del testo (tipologia A), saggio breve o articolo di giornale (tipologia B), tema storico (tipologia C) e tema di attualità (tipologia D). La prova dura 6 ore e può essere svolta con l’aiuto del vocabolario di italiano e nessun altro testo. Per quanto riguarda l’analisi del testo quest’anno agli studenti stavolta è stato proposto un brano di Umberto Eco sulle funzioni della letteratura. Le quattro tracce del 2016 per il saggio breve o per articolo di giornale, invece, sono risultate inerenti il prodotto interno lordo (ambito socio-economico), il rapporto padre-figlio (ambito storico-politico), l’avventura dell’uomo nello spazio (ambito tecnico-scientifico) e il valore del paesaggio (ambito artistico-letterario). Il tema storico ha avuto come argomento le donne al voto nel 1946. Per il tema d’attualità, infine, è stato scelto il concetto di confine.

 

 

SECONDA PROVA MATURITÀ 2016

La materia della seconda prova scritta di giovedì 23 giugno, come sempre, è diversa a seconda del liceo o istituto frequentato e viene scelta dal Miur a sorteggio nel corso dell’anno scolastico. Anche la durata delle prove è variabile da materia a materia, e viene indicata dal Ministero. Quest’anno gli studenti del Liceo classico hanno svolto una versione di greco, nel rispetto dell’alternanza con la prova di latino, mentre gli allievi del Liceo scientifico un compito di matematica. Per quanto riguarda la versione di greco l’autore scelto dal Ministero è stato Isocrate, uno dei maggiori maestri di retorica. La prova non è stata considerata dagli studenti impegnativa. Per il compito di matematica, invece, gli studenti del Liceo scientifico hanno dovuto affrontare 2 problemi e 10 quesiti. Il primo problema è stato applicativo, relativo alla risoluzione di un caso un amministratore di condominio alle prese con un serbatoio di gasolio. Il secondo problema, tradizionale, ha riguardato lo studio di una funzione. Tra i quesiti, 7 su 10 sono risultati legati ad argomenti di geometria analitica o di analisi, 2 al calcolo delle probabilità (uno al gioco degli scacchi) ed un altro di geometria solida ha riguardato il calcolo di un volume di un liquido in un recipiente.

 

 

TERZA PROVA MATURITÀ 2016

Non è possibile dare indicazioni specifiche sulla terza prova scritta dell’esame, che sarà svolta lunedì 27 giugno e che a differenza delle precedenti due non viene scelta dal Ministero dell’Istruzione. Le domande sono indicate da ogni singolo istituto. La Commissione incaricata di mettere a punto la prova può scegliere una o più tipologie di test: trattazione sintetica degli argomenti, domande a risposta singola, domande a risposta multipla, problemi a soluzione rapida, analisi di casi pratici e professionali o sviluppo di progetti. Anche in questo caso il regolamento dell’Esame di Maturità fornito dal Miur ha indicato l’inizio della prova alle 8.30.

QUARTA PROVA MATURITÀ 2016

Per un numero limitato di licei e istituti gli studenti devono affrontare anche una quarta prova scritta. Si tratta dei licei e degli istituti tecnici presso i quali è presente il progetto sperimentale
Esabac e dei licei con sezioni ad opzione internazionale spagnola, tedesca e cinese. Quest’anno la quarta prova scritta della Maturità è fissata per martedì 28 giugno alle ore 8.30.

PROVA ORALE MATURITÀ 2016

La prova orale, il colloquio, si svolge al termine delle tre prove scritte. Si tratta di un’interrogazione di ogni singolo studente con i docenti membri della commissione. L’allievo dovrà esporre correttamente l’argomento della propria tesina e dimostrare di essere in grado di fare collegamenti anche con altri argomenti. L’interrogazione incrociata di solito comincia dal contenuto della tesina, l’elaborato che propone un argomento centrale e lo collega a varie materie. In alternativa si può procedere alla presentazione di una mappa concettuale delle varie materie. Successivamente ci sono le domande dei commissari. E infine la correzione delle prove scritte. La commissione degli insegnanti è mista, composta sia da professori interni che esterni. Il numero dei candidati che sostengono il colloquio, per ogni giorno, non può essere
di norma superiore a cinque.

(Foto: ANSA / CLAUDIO PERI)