Fedele Confalonieri spiega come sarà la successione di Berlusconi, se mai ci sarà

di Redazione | 14/06/2016

Silvio Berlusconi successione

Fedele Confalonieri ha parlato col Foglio in merito alla successione del suo grande amico Silvio Berlusconi. Nel giorno dell’intervento al cuore il presidente di Mediaset rimarca l’eccezionalità della figura del leader di Forza Italia, che indirizzerà anche il ricambio al vertice del partito fondato nel 1994

LEGGI ANCHE: Berlusconi, intervento concluso. Letta: “Tutto bene”

SILVIO BERLUSCONI: LA SUCCESSIONE SECONDO CONFALONIERI

Sul Foglio di Claudio Cerasa, è stato Salvatore Merlo a riportare le dichiarazioni di Confalonieri, presidente di Mediaset e da sempre vicino al leader di Forza Italia, sin dai tempi dell’infanzia nel quartiere Isola di Milano. La convalescenza di Silvio Berlusconi sarà lunga, e la malattia cardiaca cambierà per sempre l’impegno politico dell’ex presidente del Consiglio. Per Confalonieri la successione del Cav sarà coerente con la peculiarità della sua figura.

Berlusconi è un’anomalia, una straordinaria anomalia, e la successione, se mai ci sarà, non potrà che essere anomale come tutto il resto.

 

SILVIO BERLUSCONI E LA SUCCESSIONE: IL FUTURO DI FORZA ITALIA

Fedele Confalonieri ha sempre commentato con sarcasmo e distanza le avventure politiche del suo miglior amico. Scettico all’inizio sulla cosiddetta discesa in campo, il presidente di Mediaset ha spesso consigliato cautela e moderazione al leader di Forza Italia, evidenziando talvolta lo scarso apprezzamento per le persone che circondano Silvio Berlusconi.

Lui è Gulliver, certo. Ma quelli non hanno nemmeno la corda per legarlo. È già capitato che si accoltellassero per la leadership del niente. Se mai ci sarà (la successione) passerà soltanto dalle decisioni di Berlusconi. Esiste anche un’intelligenza del sapere

Confalonieri mostra fastidio per la lotta intestina già partita in Forza Italia, al momento divisa tra il cosiddetto asse del Nord, che vorrebbe saldare in modo definitivo i rapporti con la Lega Nord, e l’anima più legata al cerchio ristretto di Berlusconi.