Wikileaks, Julian Assange annuncia: «In arrivo mail compromettenti di Hillary Clinton»

di Redazione | 13/06/2016

Julian Assange

Wikileaks, Hillary Clinton forse presto affronterà una nuova bufera. Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange in un’intervista rilasciata ad un’emittente televisiva americana ha annunciato che presto saranno pubblicate mail compromettenti della candidata dei Democratici alla Casa Bianca. I messaggi risalirebbero ad un periodo in cui l’ex first lady era segretario di Stato, tra il 2009 e il 2013. «Abbiamo in arrivo leaks in relazione alla Clinton. Abbiamo e-mail che sono in attesa di essere pubblicate», ha affermato Assange ospite del programma di Itv ‘Peston on Sunday’ in risposta ad una domanda specifica (senza specificare però quando e quanti messaggi potrebbero essere pubblicati).

 

Donald Trump storpia il nome di Hillary su Twitter. Lei: «Cancella il tuo account»

 

WIKILEAKS: JULIAN ASSANGE CONTRO HILLARY CLINTON

Hillary Clinton nel periodo 2009-2013 mentre era in carica aveva usato un server privato di posta elettronica, e per questa pratica è finita sotto indagine da parte dell’Fbi, che sta cercando di capire se abbia violato le leggi in vigore o meno. A marzo scorso Wikileaks ha già reso pubblico un archivio di oltre 30mila messaggi che Hillary Clinton aveva inviato e ricevuto mentre guidava la diplomazia americana, partiti dal server dal 2010, in violazione delle norme di sicurezza e di trasparenza fissate dal governo Usa.

Julian Assange nell’intervista non ha nascosto l’ostilità verso Hillary Clinton, che definisce «un falco guerrafondaio liberal» e di cui ha ricordato il passato di sostenitrice costante di interventi militari Usa all’estero. Il fondatore di WikiLeaks si è anche detto convinto che l’attuale attorney general dell’amministrazione guidata da Barack Obama Loretta Lynch «non incriminerà» la candidata democratica alla Casa Bianca e che semmai i suoi altarini potranno servire eventualmente all’Fbi per ricattarla quando sarà eletta presidente.

(Foto da archivio Ansa)