Ballottaggio sindaco bologna 2016
|

Ballottaggio sindaco di Bologna 2016: sfida tra Merola e Borgonzoni

SEGUI NOTIZIE, EXIT POLL, RISULTATI IN DIRETTA DEI BALLOTTAGGI PER I SINDACI ALLE ELEZIONI COMUNALI 2016

SEGUI NOTIZIE, EXIT POLL, RISULTATI IN DIRETTA DEL BALLOTTAGGIO PER IL SINDACO BOLOGNA 2016

BALLOTTAGGIO SINDACO BOLOGNA 2016

Lo scenario per il secondo turno delle elezioni a Bologna era quasi sicuro, ma non scontato. Il sindaco uscente e candidato del Pd Virginio Merola sfida la consigliera leghista Lucia Borgonzoni, sostenuta dal centrodestra. Al primo turno ha votato il 59,72% dei bolognesi. Ma i democratici non dormono sonni tranquilli. Il 5 giugno Merola ha ottenuto 68.749 voti, senza nemmeno sfondare la quota del 40% delle preferenze (39,4%). Borgonzoni è la sorpresa emiliana di queste amministrative 2016 e ha guadagnato oltre il 22% di preferenze  superando il 5 stelle Massimo Bugani, che ha conquistato il 16,5%.

guarda la gallery:

IL BALLOTTAGGIO A BOLOGNA: NUMERI A CONFRONTO

Il 10,43% ottenuto da Manes Bernardini al primo turno peserà sul ballottaggio tra Merola-Borgonzoni. Lui, ex Lega e oggi leader del movimento civico ha dichiarato sui social: «Non cerchiamo accordi sottobanco, ma un apparentamento a tutti gli effetti di legge sulla base di un accordo trasparente su alcuni punti programmatici, che dovrà avvenire entro sabato, data di scadenza del termine ultimo». Matteo Salvini tornerà a sostenere Borgonzoni il 17 giugno mentre Merola ha ripreso il tour elettorale nelle periferie (che hanno dato il maggior segnale di delusione per il Partito Democratico).

AGGIORNAMENTI E NOTIZIE

13 giugno – Per gli ultimi giorni di campagna il centrodestra scende in campo per Lucia Borgonzoni. A sostegno della candidata della Lega domenica arriveranno Renato Brunetta che, alle 16.30, terrà una conferenza stampa all’hotel Corona D’Oro. Giovedì sera Daniela Santanchè presenterà il suo ultimo libro e in piazza, il giorno dopo, è atteso Matteo Salvini. Nessun big Pd per Merola che punta invece a convincere gli indecisi.

10 giugno – Non c’è accordo con Lucia Borgonzoni e così Manes Bernardini lascia liberi i suoi 18.000 elettori per il ballottaggio. Per il 19 giugno Bernardini però fa capire come vota: «Il voto è segreto, ve lo dico il 20. Ma fornisco un indizio: io sono sempre per il cambiamento e le novità. Chi ha parlato di accordi col Pd non ha capito niente, noi siamo alternativi al 100%». Chiaro no?

7 giugno – Il risultato di Federico Martelloni con la Coalizione Civica – la formazione della sinistra-sinistra bolognese allargata alle civiche – è stato tra i migliori per quell’area in tutta la penisola: 7%. Un bottino di voti che non a casa viene corteggiato da Merola per il ballottaggio. Ma da Sinistra non arrivano segnali positivi: «Non c’è spazio per interlocutori come la destra della Borgonzoni e sono tutt’altro che scontati gli accordicchi con il Pd. Questa città non si consegnerà alla destra, continueremo a discutere della città che vogliamo. Credo a questo punto che la campagna elettorale noiosa sia stata quella degli altri, il nostro è un buon risultato visto che ci davano al 4 per cento. Il grande sconfitto è il PD di Renzi».

I CANDIDATI

Erano nove i candidati sindaco per queste elezioni. A Bologna corrono per il ballottaggio il sindaco uscente Virginio Merola (Centrosinistra) sostenuto dal Pd e la leghista Lucia Borgonzoni (Centrodestra). Restano fuori dal secondo turno il 5 stelle Massimo Bugani (M5S) e liste civiche, compresi Bernardini e Martelloni.

I SONDAGGI

Le elezioni a Bologna hanno infranto il sogno del Pd di riconquistare subito la città delle Due Torri al primo colpo. Secondo i sondaggi pubblicati prima del divieto, il sindaco uscente Pd Virginio Merola dovrebbe esser in vantaggio. Eppure i sondaggi, che nelle settimane prima del voto lo davano al al 50%, hanno deluso le aspettative. La presenza capillare del leader della Lega Nord Matteo Slavini potrebbe alzare le percentuali per Borgonzoni.

COME, QUANDO E DOVE SI VOTA

Quando si vota? La data del ballottaggio è stata già decisa da tempo. I seggi saranno aperti soltanto per la giornata di domenica 19 giugno, dalle 7 alle 23.

Come si vota? Il secondo turno sarà una sfida tra i due candidati che hanno ottenuto la percentuale di voti maggiore, seppur senza raggiungere il 50% dei voti. A Bologna si vota tra Virginio Merola per il centrosinistra e Lucia Borgonzoni per il centrodestra. Nei comuni con un numero di abitanti maggiore a 15mila, come nel capoluogo emiliano, sarà eletto il candidato sindaco che avrà ottenuto più voti validi.

Gli elettori riceveranno soltanto una scheda riportando i nominativi dei due sfidanti. Tutti gli aventi diritto possono votare, anche chi non ha votato al primo turno. Basterà presentarsi al proprio seggio con un documento di riconoscimento e la tessera elettorale (qui vi spieghiamo come sostituirla se deteriorata, smarrita o piena).

I diciottenni che non avevano compiuto il diciottesimo anno d’età prima del 5 Giugno 2016 – data del primo turno – non potranno comunque votare. Questo perché il ballottaggio viene considerato collegato al primo turno. Ha diritto di voto solo chi è certificato come valido per il primo turno. L’elettore vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il nome e cognome del candidato sindaco scelto sotto il quale sono riprodotti i contrassegni delle liste collegate.

Entro sette giorni dal primo turno i candidati potranno dichiarare di essersi “apparentati” – ovvero collegati, ndr – con altre liste.

(in copertina foto ANSA)