Ballottaggio sindaco di Napoli 2016: de Magistris vuole il bis contro Lettieri

di Donato De Sena | 18/06/2016

Ballottaggio Sindaco Napoli 2016

SEGUI NOTIZIE, EXIT POLL, RISULTATI IN DIRETTA DEI BALLOTTAGGI PER I SINDACI ALLE ELEZIONI COMUNALI 2016

SEGUI NOTIZIE, EXIT POLL, RISULTATI IN DIRETTA DEL BALLOTTAGGIO PER IL SINDACO NAPOLI 2016

BALLOTTAGGIO SINDACO NAPOLI 2016

Luigi de Magistris contro Gianni Lettieri. Gianni Lettieri contro Luigi de Magistris. È questa la sfida delle elezioni Amministrative 2016 per la conquista della poltrona di sindaco di Napoli. Il primo cittadino uscente, che guida uno schieramento di movimenti e liste civiche di sinistra, e l’imprenditore, candidato invece alla carica di primo cittadino a capo di una coalizione di centrodestra, si ritrovano l’uno contro l’altro al ballottaggio in un remake delle Comunali 2011, quando l’ex pm si impose con il 65,4% dei voti. Sono molte le probabilità che il successo di 5 anni fa venga ripetuto. Al primo turno, il 5 giugno de Magistris, sostenuto da 12 liste, ha ottenuto il 42,8% dei consensi contro il 24% di Lettieri, appoggiato da Forza Italia ed altri 9 simboli.

 

 

 

AGGIORNAMENTI E NOTIZIE

18 giugno – Nelle ultime battute di campagna elettorale i due candidati a sindaco di Napoli che si sfideranno al ballottaggio lanciano appelli alle forze politiche escluse dal secondo turno e frecciate all’avversario. Luigi de Magistris sembra rivolgersi all’elettorato del Movimento 5 Stelle con un endorsement a Virginia Raggi, in corsa per il Campidoglio contro il deputato Pd Roberto Giachetti. «Con gli elettori M5S – ha detto il primo cittadino uscente nelle ultime dichiarazioni della campagna elettorale – esiste una sintonia; la Roma di Virginia Raggi può essere un interlocutore interessante». «A me non interessano i progetti politici nazionali, non mi interessano le poltrone né gli stipendi da sindaco. Voglio dedicarmi per 5 anni solo ed esclusivamente a risolvere i problemi della mia città», ha affermato invece Gianni Lettieri.

17 giugno – Ultimo giorno di campagna elettorale. I due candidati alla poltrona di sindaco di Napoli nella serata di venerdì lasciano il loro ultimo messagio agli elettori su Facebook. Gianni Lettieri, ribadisce ciò che aveva già annunciato ieri dal palco di piazza del Carmine, durante l’ultimo comizio. L’imprenditore annuncia che si dimetterà nel giro di pochi mesi se non riuscirà subito a realizzare le sue promesse. «Cinque punti da realizzare entro il 19 giugno dell’anno prossimo. Se entro un anno non dovessi riuscire a mantenere questi impegni mi dimetterei immediatamente. Questa è la dimostrazione più chiara del fatto che non ho alcun interesse nascosto ma solo amore per la città», scrive sul social network. «In 5 anni – scrive invece su Facebook Luigi de Magistris – l’immagine di Napoli è cambiata, non più cumuli di rifiuti, oggi Napoli è la prima città d’Italia per turismo e cultura, ed è un ricordo l’emergenza rifiuti. Domenica Napoli diventerà un soggetto politico autonomo. Insieme non ci ferma più nessuno. Domenica tutti al voto per Luigi de Magistris Sindaco di Napoli 2016-2021».

16 giugnoLuigi de Magistris che Gianni Lettieri chiudono in contemporanea la loro campagna elettorale. L’evento del sindaco in serata a Piazza Dante. Quello del candidato del centrodestra a Piazza del Carmine.

16 giugno – In un’intervista rilasciata a Repubblica il sindaco Luigi de Magistris annuncia che in caso di sua rielezione dialogherà con Matteo Renzi. «Voglio rassenerare tutti, dialogheremo con le istituzioni nazionali e internazionali. Ma Napoli è autonoma, non al guinzaglio», dice il primo cittadino. Anche Gianni Lettieri in un forum la Mattino ha parlato della necessità di non isolare la città.

15 giugno – Dopo il flop del 5 giugno il Pd si divide su chi sostenere al secondo turno. L’indicazione del segretario Matteo Renzi, ribadita localmente, è quella della libertà di voto. Ma dal governatore Vincenzo De Luca sembra arrivare un assist al candidato di centrodestra Gianni Lettieri. Intanto una parte dei Dem napoletani, e in particolare il consigliere regionale Gianluca Daniele, leader della corrente Area Riformista, arriva l’appoggio al sindaco uscente Luigi de Magistris. La candidata a sindaco Valeria Valente, infine, annuncia che voterà scheda bianca.

14 giugnoGiorgia Meloni e Fratelli d’Italia lanciano un assist a Gianni Lettieri, il candidato di Fi e civiche, in vista del ballottaggio del 19 giugno: «A Napoli avevamo scelto di non sostenerlo, ma la nostra decisione non è stata molto premiata (1,28 per Marcello Taglialatela e poco più di 5 mila voti, ndr). Ora su Napoli c’è un ballottaggio tra il sindaco uscente e Lettieri e io penso che i nostri elettori non avranno grande difficoltà a scegliere, perché sicuramente non si può votare nè per De Magistris, né per la sua proposta»

De Magistris, invece, si scalda già per il ballottaggio di domenica, ma guarda anche oltre. Con una sfida a Renzi: «Se Dio vuole governerò fino al 2021 e per i prossimi cinque anni non farò altro che pensare al bene dei napoletani. Ma non mi nascondo dietro un dito: all’amministrazione affiancheremo un progetto politico forte. Creeremo un movimento nazionale di liberazione del popolo. Ne parlerò lunedì. Vogliamo costruire l’Europa partendo dal basso. E in Italia aggregheremo chi dice ‘no’ a progetti centralisti e autoritari che il Paese ha già conosciuto». De Magistris sosterrà il “no” al referendum costituzionale di ottobre.

13 giugno

  • Valeria Valente, candidata del Pd esclusa dal ballottaggio, ha spiegato di voler restare in Consiglio comunale, tra i banchi dell’opposizione.

Elezioni Comunali 2016 Napoli

  • Intanto Area popolare ha annunciato che sosterrà al ballottaggio Gianni Lettieri. 

11 giugno – Dalle opposizioni è partito l’attacco a de Magistris, contestato per aver declinato qualsiasi confronto tv in attesa del voto del ballottaggio. «Fugge», lo attacca Lettieri. «Colpa del clima che ha creato. Al primo turno ha preferito attaccarmi con calunnie e ingiurie, con una campagna contro la mia persona. Non mi interessa andare a confrontarmi nel campionato del rancore di Lettieri», è la replica del sindaco uscente.

7 giugno –  Soltanto quando si conoscerà il vincitore del ballottaggio a Napoli si scoprirà come sarà composto il nuovo Consiglio comunale. Il motivo? Il premio di maggioranza definirà quanti saranno i consiglieri eletti. Se vincerà de Magistris saranno neo consiglieri:

Alessandra Clemente, Eleonora Di Maio, Rosario Andreozzi, Claudio Cecere, Salvatore Pace (5, per la lista civica “Dema”); Gabriele Mundo, Fulvio Frezza, Manuela Mirra, Elpidio Capasso, Carmine Sgambati, Nino Simeone, Gaetano Troncone, Francesco Vernetti, Lola Bismuto, Luigi Zimbaldi (10, per la lista De Magistris Sindaco); Ciro Borriello, Sandro Fucito, Mario Coppeto, Elena Coccia (4, Sinistra Napoli in Comune); David Lebro, Roberta Giova (2, La Città); Stefano Buono, Guadino Gaudini (2, Verdi); Maria Caniglia (1, Ce simme Sfasteriati).

 

All’opposizione la capolista Mara Carfagna, Salvatore Guanci, Stanislao Lanzotti (3, per Forza Italia); Gianni Lettieri, Marco Nonno, Ciro Langella (3, per Prima Napoli); Andrea Santoro (1, Napoli Capitale). Sei eletti avrà il Pd: Valeria Valente, Salvatore Madonna, Bobo Esposito, Alessia Quaglietta, Federico Aurienzo, Lea Ulleto. Mimmo Palmieri sarà consigliere per Napoli Popolare), Matteo Brambilla e Francesca Menna per il M5S.

Se invece vincerà il candidato del centrodestra, Gianni Lettieri, il Consiglio comunale di Napoli sarà così composto:

Marco Nonno, Ciro Langella, Vincenzo Moretto, Stefano Palomba, Gianluca Cantalamessa, Ione Abbatangelo, Assunta Cutarelli, Bernardo Amodio (8, Prima Napoli); Mara Carfagna, Salvatore Guanci, Stanislao Lanzotti, Umberto Minopoli, Armando Coppola, Vincenzo Perez, Massimo Pepe, Conny D’Addosio, Francesca Lettieri, Elisa Russo (10, per Forza Italia); Andrea Santoro, Anna Merolla, Mario Mele (3, Napoli Capitale); Caludio Ciotola, Giovanni Bartone (2, Fare Città); Sigfrido Renzullo (1, Giovani in Corsa).

 

All’opposizione saranno invece eletti: Gabriele Mundo, Fulvio Frezza, Manuela Mirra, Elpidio Capasso (4, De Magistris Sindaco); Alessandra Clemente, Eleonora Di Maio (2, Dema); Ciro Borriello (1, Sinistra Napoli in Comune); David Lebro (1, La Città); de Magistris (1, Verdi).

 

Per il Pd saranno eletti Valeria Valente, Salvatore Madonna, Bobo Esposito, Alessia Quaglietta, Federico Arienzo. Infine Matteo Brambilla e Francesca Menna per il M5S.

 

I CANDIDATI

Questo è il risultato che i due candidati sindaco promossi al secondo turno hanno conseguito al primo turno:

Risultati elezioni comunali 2016 Napoli

 

Luigi de Magistris, 48 anni, ex magistrato noto soprattutto per le inchieste condotte alla procura di Catanzaro su legami tra mondo degli affari e politica, sceso in politica dal 2009 (quando fu eletto europarlamentare nelle liste dell’Italia dei Valori), è sostenuto da una coalizione molto variegata, composta da movimenti civici e piccoli partiti: Italia dei Valori, Verdi, Repubblicani Democratici, De Magistris Sindaco, Dema Democrazia Autonomia, Napoli in Comune, Partito del Sud, Meridionalisti Napoli Capitale, Ce Simme Sfasteriati, Mo!, Bene Comune e La Città.

Gianni Lettieri, 59 anni, presidente di Atitech ed ex presidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Napoli, ha cominciato la sua corsa per Palazzo San Giacomo senza il sostegno dei partiti di centrodestra e in particolare di Forza Italia, con i quali un’intesa è stata siglata solo in una seconda fase. Ad appoggiarlo sono stati dieci formazioni. Forza Italia, Napoli Capitale, Impresa Comune, Fare Città, pensionati d’Europa, Costruzione e Stato, Italia 20.50, Prima Napoli, Rovoluzione Crisiana e Giovani in Corsa.

I SONDAGGI

I sondaggi elettorali sulle elezioni Comunali 2016 a Napoli pubblicati fino al 20 maggio, ultimo giorno di diffusione delle rilevazioni demoscopiche, hanno dato indicazioni unanimi su un eventuale ballottaggio tra Luigi de Magistris e Gianni Lettieri. Tutti i principali istituti che hanno monitorato il consenso al secondo turno in un’ipotetica sfida tra l’ex pm e l’imprenditore hanno attribuito un vantaggio al sindaco uscente un significativo margine di vantaggio.

Stando ai numeri pubblicati da Scenari Politici, Winpoll, Emg Acqua, Tecnè, Demos&Pi ed Ipr Marketing, de Magistris oscillerebbe tra il 55 e il 64% dei consensi. Lettieri invece tra il 36 e il 45%. Va precisato però che nel periodo di divieto di pubblicazione dei sondaggi i rapporti di forza al ballottaggio potrebbero essere mutati.

 

Ballottaggio Sindaco Napoli 2016
Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto al secondo turno delle Elezioni Amministrative a Napoli (Tabella di: Giornalettismo)

 

COME, QUANDO E DOVE SI VOTA

Il secondo turno delle elezioni Amministrative 2016 prevede una sola giornata di voto, domenica 19 giugno, dalle 7 alle 23.

Sull’unica scheda compariranno i nomi dei due candidati al ballottaggio e, a fianco di ognuno dei due, i simboli delle liste che appoggiano le candidature. Per esprimere il proprio consenso bisogna tracciare un segno sul nome di uno dei due candidati.

Viene eletto il candidato che ottiene più voti.

Lo spoglio delle schede comincerà subito dopo la chiusura dei seggi.

Per quanto riguarda la composizione del consiglio comunale, se le liste collegate al candidato sindaco vincente non hanno conseguito al primo turno almeno il 60% dei seggi ma almeno il 40% dei voti, otterranno il 60% dei seggi. I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute al primo turno.

(Foto di copertina: Ansa)