Golden State Warriors, clamorosa rimonta a Oklahoma: va in finale contro Cleveland Cavaliers

di Andrea Mollica | 31/05/2016

Golden State Warriors

Golden State Warrios

alla Nba Finals 2016. Gara-7 della finale della Wester Conference è stata vinta dalla squadra campione in carica, che ha battuto in casa Oklahoma City Thunder, in una serie molto combattuta. La squadra del Mvp Stephe Curry è riuscita a vincere 3 partite di fila, dopo esser finita a una sola sconfitta da una sorprendente eliminazione visto il dominio della stagione regolare.Le finali Nba 2016 saranno una replica della sfida dell’anno scorso tra Golden State Warriors e i Cleveland Cavaliers di Lebron James.

GOLDEN STATE WARRIORS DI NUOVO ALLE NBA FINALS

Dopo aver battuto il record di vittorie nella regular season della Nba con 73 successi, uno in più dei Chicago Bulls di Michael Jordan, Golden State Warriors è tornata alla Nba Finals all’ultimo secondo. I Warriors hanno battuto in Gara-7 Oklahoma City Thunder per 96-88, dopo esser stati sotto 1 a 3 nella serie finale della Western Conference. Ancora una volta decisiva è stata la prestazione di Stephen Curry, che ha segnato ben 36 punti, con un eccezionale 7 su 12 da 3 punti. Fondamentali l’ultimo canestro segnato dalla lunga distanza, che ha ricacciato verso la sconfitta i Thunder dopo che Kevin Durant aveva riportato Oklahoma a soli 4 punti di distanza a 100 secondi dalla fine della partita. Dopo gli incredibili 11 canestri realizzati dall’arco messi a referto da Klay Thompson in gara-6, la specialità dei Warriors ha deciso ancora una volta la partita. Golden State ha realizzato ben 17 canestri da 3 su 37 tiri effettuati.



LEGGI ANCHE


Nba Finals 2015, Golden State Warriors vincono il titolo in gara-6

GOLDEN STATE WARRIORS CONTRO CLEVELAND CAVALIERS

Il successo di Golden State Warriors fa rivivere alla Nba la sfida dell’anno scorso. Nel 2016 i Warriors ritroveranno la squadra che avevano battuto in 6 gare, una serie in cui era emersa la superiorità di Curry e compagni, messi in difficoltà da uno straordinario LeBron James. Il capitano di Cleveland ha raggiunto la sesta finale consecutiva, e finora ha alternato successi e sconfitte. Prima i Miami Heat hanno perso nel 2012 contro Dallas, per poi vincere due finali di fila, e poi perdere altrettante serie consecutive contro San Antonio Spurs e e Golden State. Quest’anno la presenza di Irving e Love dovrebbe rendere più equilibrata la serie, visto che i Warriors, per quanto straordinari, appaiono meno imbattibili della stagione regolare.