Marco Martini
|

Lo chef stellato Marco Martini mixa i sapori romani e scozzesi del gin Hendrick’s al Cohouse

Venerdì 13 maggio, a Roma, e solo per una notte, Hendrick’s presenterà alla Cohouse le speciali creazioni di Marco Martini, chef stellato Michelin. Ricette inusuali che mescolano in maniera eccezionale i sapori anglosassoni, tipici del gin Hendrick’s, e quelli della cucina romana, con accostamenti audaci e provocatori. Un esempio? Rigatoni aio e ojo con una crema di fish and chips, maialino al forno con purè di patate affumicate al ginepro e una speciale variante del porridge.
L’alta cucina si unisce alla mixology (l’arte di miscelare i drinks)  tra i bicchieri uno dei più grandi bartender italiani, Patrick Pistolesi.

La “vera storia” del Festival del Supplì a Garbatella. Che non ci sarà mai

ALTA CUCINA E UN CADAVERE ECCELLENTE

Durante la serata si giocherà al “cadavere exquis“. La versione originale del gioco prevede che un gruppo di giocatori componga una poesia o un racconto alternandosi alla scrittura, con il vincolo che ogni partecipante possa vedere solo la parola finale del contributo precedente. Il nome del gioco verrebbe dal fatto che, nella prima partita in assoluto, la frase ottenuta fu “le cadavre exquis boira le vin nouveau” (“Il cadavere eccellente berrà il vino novello”).Durante la serata Hendrick’s “A Dinner for Bizarre Minds” verrà messa in atto una variante del gioco inusuale e stravagante per coinvolgere tutti i partecipanti alla cena: ogni ospite al proprio arrivo riceverà una carta che potrà essere una domanda o una risposta. Durante la serata gli ospiti dovranno cercare di ricostruire 6 storie abbinando domande e risposte.
Le 6 storie da ricostruire sono un mago esperto di escapologia, una minuscola donna in grado di parlare con gli animali, un botanico privo di vista e olfatto, il prigioniero senza prigione, un giovane medico che curava con spaventose poesie e l’inventore di odori.

(Photo Credit: Andrea di Lorenzo)