Antonio Cassano
|

Antonio Cassano licenziato dalla Sampdoria con un telegramma?

Antonio Cassano sarebbe stato licenziato dalla Sampdoria con un telegramma dettato al telefono. Questa notizia, diffusa in esclusiva dall’emittente ligure Telenord, conferma le voci che parlavano di uno scontro verbale molto acceso tra Fantantonio e l’avvocato Antonio Romei, braccio destro del Presidente Massimo Ferrero.

ANTONIO CASSANO E LA LITE CON ANTONIO ROMEI

La notizia della lite tra Antonio Cassano e Antonio Romei, quest’ultimo sceso negli spogliatoi per strigliare la squadra dopo il pesante 0-3 incassato nel derby della scorsa domenica non era stato smentito dalla Sampdoria che contestualmente aveva allontanato voci di una risoluzione immediata del contratto tra la società ed il calciatore. Il telegramma diffuso da Telenord racconta invece di una rottura insanabile, la seconda, tra il club di Corte Lambruschini e Fantantonio. Il messaggio è chiaro: La Società a seguito delle ripetute espressioni lesive ed ingiuriose nei confronti della dirigenza e del club ha intimato al calciatore la risoluzione immediata del contratto come specificato dalle clausole sul contratto siglato la scorsa stagione.

ANTONIO CASSANO E LA SECONDA ROTTURA CON LA SAMPDORIA

Antonio Cassano si prepara quindi a salutare per la seconda volta la Sampdoria dopo essere stato licenziato in tronco nel 2010 dopo che il giocatore si era rifiutato di recarsi in un club di Sestri Levante per ritirare un premio. All’epoca il numero 99 aveva rivolto pesanti insulti all’indirizzo del presidente, Riccardo “Duccio” Garrone, tanto gravi da aver spinto il patron ad una rescissione con blocco dello stipendio. Una scelta sofferta che il giocatore pagò emotivamente dimostrandosi disperato al funerale dell’imprenditore. Ora arriva la seconda rottura, quella forse definitiva tra Genova e Antonio Cassano.