Elezioni Milano 2016
|

Elezioni Milano 2016, il caso Cl. Sala si smarca dal niet di Pisapia

Elezioni Milano 2016 Beppe Sala risponde a Giuliano Pisapia su CL

Giuseppe Sala ha risposto a Giuliano Pisapia in merito alla presenza di Comunione e Liberazione nelle sue liste. Il candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni 2016 ha rimarcato di non essere un uomo che pone paletti, distanziandosi così dal no a CL pronunciato dall’attuale primo cittadino. Esponenti vicini a CL potrebbe sostenere Beppe Sala alle elezioni Milano 2016, mentre politici ciellini stanno già facendo campagna per Stefano Parisi.

ELEZIONI MILANO 21016 BEPPE SALA NON DICE NO A CL

Beppe Sala non rinuncia al contributo di Comunione e Liberazione, come gli aveva esplicitamente richiesto Giuliano Pisapia. Un’apertura riferita alla sua personale cultura politica, che non pone steccati ideologici. La risposta del candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni di Milano 2016 è arrivata in un confronto con l’attuale primo cittadino svoltosi in un circolo del Partito Democratico. Beppe Sala ha spiegato come il tema della composizione delle liste sia ancora prematuro. Per poi rimarcare come ci sia tanto di buono nel mondo legato a Comunione e Liberazione, come il Banco Alimentare o il progetto Arca di accoglienza dei migranti.

 

ELEZIONI MILANO 2016 IL CASO FERLINI

La risposta di Beppe Sala a Giuliano Pisapia è stata determinata dall’ipotesi di candidare Massimo Ferlini nella lista civica che sosterrà il candidato sindaco del centrosinistra. Massimo Ferlini è il vicepresidente della Compagnia delle Opere, l’associazione vicina a Comunione e Liberazione che raggruppa molte aziende e onlus, particolarmente forte in Lombardia. Massimo Ferlini è stato in passato un esponente del PCI milanese, e potrebbe tornare in politica appoggiando Beppe Sala. La sua candidatura è stata però aspramente criticata da SEL, mentre Giuliano Pisapia ha esplicitamente chiesto di non allargare la coalizione di Sala a personalità legate al passato formigoniano.

ELEZIONI MILANO 2016 LA SINISTRA CONTRO CL

L’ostilità della sinistra a Comunione e Liberazione è uno dei motivi di maggior perplessità sulla candidatura di Beppe Sala. Il candidato sindaco, in passato direttore generale di Milano, ha intrecciato nel corso della sua esperienza manageriale importanti relazioni con la Compagnia delle Opere. Fino a pochi anni fa il mondo ciellino era schierato nel centrodestra, ma la fine dell’amministrazione regionale di Roberto Formigoni. Così come le difficoltà di Silvio Berlusconi hanno avvicinato parte di CL verso il PD. Una collaborazione che inquieta l’anima più radicale del centrosinistra milanese, la più legata all’esperienza di Giuliano Pisapia.