Elezioni Milano 2016
|

Elezioni Milano 2016, il campo profughi all’Expo un problema per Beppe Sala

Elezioni Milano 2016, il campo profughi all’Expo un problema per Belle Sala

Alle elezioni Milano 2016 scoppia il caso del campo profughi all’Expo. Il centrodestra attacca il candidato del centrosinistra alle elezioni 2016 Beppe Sala, ex Ad della società che ha organizzato l’Esposizione universale. In un’area prossima a quella dell’Expo il prefetto di Milano ha fatto alloggiare cento richiedenti asilo dell’Africa subsahariana.

ELEZIONI MILANO 2016 CAMPO PROFUGHI ALL’EXPO

Il prefetto Alessandro Marangoni ha predisposto l’alloggio di circa cento migranti nel campo base di Expo, la struttura che ha ospitato le maestranze e la polizia durante i 6 mesi dell’esposizione. Il campo base di Expo si trova al di fuori dell’area espositiva dove erano stati allestiti i padiglioni, ma la sua trasformazione in un campo profughi, per quanto temporaneo, ha creato una forte polemica politica. Il futuro dell’area Expo è uno dei temi più importanti delle elezioni di Milano 2016, e il centrosinistra ha candidato il volto di quest’evento, l’ex AD della società di Expo Beppe Sala.

ELEZIONI MILANO 2016 LO SCONTRO TRA BEPPE SALA E IL CENTRODESTRA

Il candidato del centrodestra alle elezioni di Milano 2016 Stefano Parisi e il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, hanno attaccato Beppe Sala per la decisione del prefetto. Giornali vicino al centrodestra, come Il Giornale, rimarcano come esista un carteggio tra il prefetto Marangoni e l’AD di Expo sulla condivisione di questa scelta. Beppe Sala ha respinto con durezza le critiche di Roberto Maroni e Stefano Parisi, accusando il centrodestra di respingere qualsiasi soluzione di fronte a un’emergenza umanitaria.