|

Abbandona la moglie in autostrada: muore investita

Avevano litigato in piena autostrada sulla A26. E così lui aveva accostato verso una piazzola e l’aveva lasciata là, sola con la sua borsetta, e aveva continuato a guidare senza voltarsi indietro fino a casa, ad Aosta. Lei si era fatta forza e aveva camminato una ventina di chilometri, prima di essere investita dopo una curva da un uomo, ancora sotto choc. Lei aveva 37 anni. Lui ne ha 47 e adesso è piantonato nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Aosta, dopo aver minacciato il suicidio. La storia la racconta La Stampa in edicola oggi, in un pezzo a firma Pellissier.

IL DRAMMA DELLA LITE

Non sono ancora del tutto chiari i motivi del gesto che ha portato Alfonso Caputo, 47 anni, a lasciare la moglie Claudia Tolu, di soli 37, in autostrada in piena notte. L’uomo infatti è ancora sotto choc e non ha saputo spiegare i motivi della litigata con la moglie. Ciò che è sicuro è solo che lei su quella autostrada ha trovato la morte

Lei si è messa a camminare lungo la corsia di emergenza, al buio, con le auto che le sfrecciavano accanto. Ancora arrabbiata, scossa. Ha percorso una ventina di chilometri. Poi, in una curva, un automobilista di 67 anni l’ha centrata in pieno, uccidendola. Erano le 5 di ieri.

L’uomo ha saputo della tragedia solo a mattina inoltrata, quando i poliziotti sono riusciti a trovarlo e, dandogli la notizia, lo hanno dovuto scortare in ospedale vista la sua disperazione.

TAG: Aosta