Bce Germania contro Mario Draghi
|

Bce, la Germania contro Mario Draghi

Bce Germania contro Mario Draghi

, le nuove misure non convenzionali della Bce hanno spinto la Germania contro Mario Draghi. Il presidente della Banca centrale europea è stato attaccato da politici, media e figure di spicco dell’economia per la distruzione del patrimonio dei risparmiatori tedeschi. Un coro di critiche dai toni anche molto violenti che evidenzia ancora una volta la forte tensione tra Mario Draghi e l’establishment tedesco.

BCE GERMANIA CONTRO MARIO DRAGHI NUOVA PUNTATA

Mario Draghi e la Germania hanno un rapporto complesso da ormai molto tempo, iniziato ai tempi della successione di Jean-Claude Trichet, e proseguito con le ormai numerose misure di politica monetaria non convenzionale adottate dal presidente della Bce. L’aumento del QE a 80 miliardi, con gli acquisti dei titoli aziendali, l’abbassamento a 0 del tasso di interesse, e il “rimborso” della Bce alle banche che parteciperanno alle aste straordinarie di liquidità LTRO sono un pacchetto osteggiato in modo radicale dal “partito della Bundesbank”, cultura economica prevalente in Germania. Lo dimostrano i media, di destra così come di sinistra, quasi senza distinzioni, che criticano le politiche monetarie non convenzionali della Bce, accusate perfino di distruggere il patrimonio dei risparmiatori tedeschi.

LEGGI ANCHE

Quantitative easing della Bce: cosa è e come funziona

BCE GERMANIA CONTRO MARIO DRAGHI IL ROGO DEI RISPARMIATORI

Per il momento la politica si è astenuta da commenti significativi nei confronti delle nuove misure della Bce, severamente bocciate sui media. Durissimi sono stati i presidente delle associazioni economiche, compatti nel definire la politica monetaria non convenzionale della Bce come dannosa per la Germania, tanto per le sue imprese quanto per i risparmiatori. Il presidente dell’associazione delle aziende esportatrici ha definito l’aumento del QE e i tassi zero come misure catastrofiche, che beneficeranno solo i Paesi indebitati del Sud Europa. Sui giornali i commenti sono ispirati a simili toni: Die Welt accusa Mario Draghi di togliere al mondo il fondamento del valore del denaro, Tagesspiegel definisce le sue misure un atto di disperazione, Focus accusa il presidente della Bce di portare l’Europa al baratro, SZ si spinge a elogiare le critiche di Donald Trump all’ex governatore di Bankitalia.