Donald Trump, il video di lui che combatte contro i messicani e vince

di Maghdi Abo Abia | 02/03/2016

Donald Trump

Donald Trump in questa campagna elettorale per le Primarie è pronto a tutto pur di conquistare il voto repubblicano, tanto da assoldare alcuni attori al fine di intrattenere il pubblico in attesa di un suo comizio così da non annoiare gli astanti. Fin qui nulla di strano, se non fosse che…

DONALD TRUMP E LA LOTTA CONTRO I MESSICANI A IMITARE BUD SPENCER

Donald Trump ha ingaggiato degli attori disposti a impersonare una lotta con lui vincitore assoluto. Un uomo vestito da Donald Trump affronta un gruppo di persone vestite da messicani con tanto di sombrero e poncho. Nel video dello scorso 26 febbraio lo si vede affrontarli uno per uno, un po’ come fece Bud Spencer nella sua carriera. Le mosse sono peraltro molto simili a quelle di Carlo Pedersoli. Picchiati uno per volta fino a quando il falso Donald Trump si carica sulla schiena un mariachi per poi roteare su se stesso, così che il messicano colpisca i suoi compagni. Solo che Bud Spencer è un personaggio positivo mentre il messaggio di Donald Trump non sembra proprio tale.

TRUMP PELEA CONTRA HOMBRES DISFRAZADOS DE MEXICANOS Y LOS VENCEDurante sus mítines políticos, el precandidato a la Presidencia de EU, Donald Trump, contrata actores para que interpreten una pelea entre él y un grupo de hombres vestidos con sarape y sombrero, remedando la vestimenta mexicana tradicional. Video Vía: La Jornada Baja California

Pubblicato da MD Saltillo su Venerdì 26 febbraio 2016

 

LEGGI ANCHE: Primarie Usa 2016: Super Tuesday, vincono Donald Trump e Hillary Clinton

DONALD TRUMP COME DARTH FENER

Infine, l’ultimo sopravvissuto alla rabbia di Donald Trump, prova ad aggredire il candidato alle primarie con un coltellaccio. Allora Donald Trump come Darth Fener sfrutta il potere dello strangolamento per sconfiggere l’ultimo nemico. E una volta piegato in terra, probabilmente ucciso, il falso Donald Trump alza i pugni al cielo davanti a una folla festante in attesa del comizio del loro candidato. Un messaggio quantomeno ambiguo se non addirittura violento. Donald Trump è disposto a tutto pur di fermare i messicani, anche a picchiarli con le sue stesse mani. Se questa è una campagna elettorale…