Elezioni Milano 2016
|

Elezioni Milano 2016, Sel dice sì a Giuseppe Sala

Elezioni Milano 2016: Sel non rompe con Giuseppe Sala

L’assemblea metropolitana di Sinistra Ecologia Libertà Milano ha approvato, a maggioranza, un documento per costruire un centrosinistra plurale in vista delle Elezioni 2016. Sel non romperà col PD in una delle sfide più importanti, nonostante forti pressioni interni per una corsa contrapposta a Beppe Sala. Alle elezioni di Milano 2016 la lista di sinistra perde così uno dei suoi pezzi più importanti, una notizia che potrebbe mettere in discussione la candidatura di Curzio Maltese circolata con forza in questi ultimi giorni.

 

ELEZIONI MILANO 2016, SEL CONFERMA L’APPOGGIO A BEPPE SALA

L’assemblea metropolitana di Sinistra Ecologia Milano ha approvato un documento che prevede la costruzione di una “ una alleanza di centrosinistra larga, plurale, aperta e saldamente ancorata nei programmi, nei componenti e nei comportamenti nel campo aperto a Milano nel 2010“. Beppe Sala potrà così contare sul partito più vicino all’uscente Giuliano Pisapia, che alle primarie di centrosinistra aveva appoggiato Francesca Balzani. Dopo la sconfitta del vicesindaco attuale, la presenza di SEL nella coalizione a supporto di Beppe Sala era apparsa in forte dubbio. All’interno del partito diversi esponenti, anche nazionali, avrebbero preferito una corsa contrapposta al Partito Democratico e a un candidato percepito come troppo moderato come l’ex AD di Expo.

ELEZIONI MILANO 2016 BEPPE SALA INCASSA L’OK DI SEL MILANO

Beppe Sala ha vinto le primarie del centrosinistra quasi un mese fa, ma in queste settimane la costruzione della sua coalizione elettorale è stata bloccata dai dubbi di SEL. Il partito guidato da Nichi Vendola a livello nazionale aveva più volte espresso le sue perplessità per il drastico cambiamento del centrosinistra milanese, passato da un sindaco vicino alla sinistra radicale a un manager in passato direttore generale di Letizia Moratti. I dubbi di SEL avevano fermato il lavoro per la costituzione di una lista cosiddetta arancione, guidata da Francesca Balzani per raccogliere l’eredità del modello Milano di Giuliano Pisapia. E anche a Cosmopolitica, la kermesse di lancio del nuovo partito Sinistra Italiana (in attesa del primo congresso di dicembre, ndr), molti ex dem come Stefano Fassina e Cofferati ora nel gruppo unitario della Camera con i vendoliani avevano invitato il leader di Possibile Giuseppe Civati a candidarsi a Milano, invano. Ora SEL si è però convinta a sostenere Beppe Sala anche in ragione della trovata unità del centrodestra su Stefano Parisi, una candidatura che appare competitiva per la vittoria alle Comunali.

ELEZIONI MILANO 2016, L’IPOTESI CURZIO MALTESE

La scelta di SEL di appoggiare Beppe Sala alle comunali, per quanto vincolata a una verifica politica, indebolisce la candidatura di una personalità di sinistra contrapposta all’ex Ad di Expo. In questi giorni era circolata l’idea che questa coalizione schiettamente progressista e contrapposta al PD fosse guidata da Curzio Maltese. L’ex giornalista ed europarlamentare della Lista Tsipras aveva dato la sua disponibilità a guidare Milano in Comune, anche se una parte dei sostenitori di questa lista preferirebbe una candidatura più civica, come quella dell’ex giudice Gherado Colombo.