Tim scatto alla risposta: 20 centesimi dal primo aprile

di Maghdi Abo Abia | 29/02/2016

Tim scatto alla risposta

Tim scatto alla risposta in arrivo dal primo aprile. Telecom Italia ha comunicato che i clienti Tim, il nuovo marchio che include la telefonia sia fissa sia mobile, con offerta voce e linea ISDN si vedranno aumentare il costo al minuto delle chiamate a consumo verso i telefoni fissi e i cellulari nazionali da 10 a 20 centesimi al minuto con scatto alla risposta pari a 20 centesimi di euro.

 

TIM SCATTO ALLA RISPOSTA: L’AUMENTO NON SI APPLICA AI CLIENTI DI UN’OFFERTA INTEGRATA

Tim scatto alla risposta, una misura comunicata dall’azienda attraverso i principali quotidiani della penisola riservata a coloro che hanno solo la vecchia linea telefonica di base e che non hanno aderito alle offerte a forfait. L’azienda ha comunicato che l’introduzione dello scatto alla risposta non si applica ai clienti di un’offerta integrata linea telefonica – internet in un unico abbonamento come ad esempio Tutto,Tutto Voce, TIM Smart, TIM Smart Fibra, Internet Senza Limiti.

TIM SCATTO ALLA RISPOSTA: IL RECESSO GRATUITO FINO AL 31 MARZO 2016

Tim scatto alla risposta non si applica neanche a quelle utenze dotate di un’offerta aggiuntiva con prezzi specifici verso alcune tipologie di chiamate come SuperChiamaMobile o Alice Tutto Incluso. Tim scatto alla risposta appare una chiara misura per spingere la clientela a stipulare piani a forfait. Per coloro che non hanno intenzione di pagare a Tim scatto alla risposta è possibile recedere dal proprio contratto con l’operatore in base alle Codice delle Comunicazioni Elettroniche. Fino al 31 marzo 2016 i clienti Tim che lo vorranno potranno passare ad altro operatore senza costi di disattivazione.

TAG: Tim