Quando Umberto Eco finì su Dylan Dog

di Redazione | 20/02/2016

Umberto Eco Dylan Dog

Umberto Eco era un grande appassionato di Dylan Dog e, più in generale, era un estimatore del fumetto come mezzo di comunicazione di massa. In qualche occasione lo scrittore non ha manifestato pubblicamente il suo interesse per il personaggio creato da Tiziano Sclavi. È diventata celebre la frase: «Posso leggere la Bibbia, Omero o Dylan Dog per giorni e giorni senza annoiarmi». Oggi, all’indomani della scomparsa di Umberto Eco, sono molti sui social network a ricordare quelle parole. Qualcuno ha anche postato l’immagine di una copertina di Dylan Dog in lingua inglese che le riporta. Gli utenti ricordano anche che lo scrittore apparve anche in Dylan Dog nei panni del prof. Humbert Coe. Fu omaggiato precisamente da Sclavi in Dylan Dog n. 136, del gennaio 1998, dal titolo ‘Lassù qualcuno ci chiama’ (soggetto e sceneggiatura di Scalvi, disegni di Bruno Brindisi e copertina di Angelo Stano).

 

Umberto Eco è morto, se ne va il più grande

Le 40 regole di Umberto Eco per la scrittura

Morte Umberto Eco, il mondo celebra uno dei più grandi studiosi di sempre

 

 

 

 

 

(Immagine: