Quarto, Rosa Capuozzo attacca il M5S: «Poteva combattere il malaffare ma è scappato a gambe levate»

di Redazione | 18/01/2016

Rosa Capuozzo Roberto FIco

Rosa Capuozzo ha parlato di nuovo al pm confermando che informato il parlamentare M5S Roberto Fico subito dopo l’interrogatorio avvenuto a novembre. Lo riporta il Corriere del Mezzogiorno.

«Appena si concluse l’interrogatorio del 24 novembre informai l’onorevole Fico». Così ha risposto Rosa Capuozzo il 12 gennaio scorso a una domanda del pm Woodcock. Il sindaco di Quarto è stata ascoltata nell’ambito dell’inchiesta (coordinata dall’aggiunto Giuseppe Borrelli) sui presunti ricatti subiti da parte di un ex consigliere comunale Cinque Stelle, Giovanni De Robbio, ritenuto legato al clan camorristico dei Polverino.
Il primo cittadino ha anche riferito che, quando De Robbio la avvicinó per la terza volta, spaventata, si rivolse a un tenente dei carabinieri e gli chiede se poteva essere utile registrare i colloqui con l’allora consigliere comunale. Avuta una risposta affermativa, chiese a un parente di regalarle una penna in grado di registrare. È quanto emerge da i nuovi atti dell’inchiesta su Quarto depositati al Riesame dagli inquirenti. Verbali in cui il sindaco flegreo chiarisce tra l’altro la natura dei suoi colloqui con Roberto Fico a proposito delle minacce ricevute da Giovanni De Robbio.

LEGGI ANCHE: «Il direttorio del Movimento Cinque Stelle sapeva tutto di Quarto»

Non solo oggi Capuozzo attacca frontalmente il Movimento: “Il M5S ha avuto l’occasione di combattere il malaffare in prima linea con un suo Sindaco che lo ha fatto, ma ha preferito scappare a gambe levate, smacchiarsi il vestito, buttando anche il bambino insieme all’acqua sporca”.

E’ inutile avere le mani pulite se poi le si tiene in tasca. Il m5s ha avuto l’occasione di combattere il malaffare in…

Posted by Rosa Capuozzo on Lunis 18 Ghennàrgiu 2016

(in copertina foto ANSA/ CESARE ABBATE)