andrea romano
|

Andrea Romano e la fobia grillina dell’ospite in tv

«Ah c’è Andrea Romano in trasmissione? Qualche ora dopo arriva la disdetta dell’esponente 5 stelle, impegno improvviso». In Transatlantico si parla di leggenda, c’è chi ci scherza su. La fobia grillina verso il collega di Montecitorio, il democratico Andrea Romano, però sembra vera. Se c’è lui, mormorano alla Camera dei deputati, i grillini danno forfait. Così, pur di avere i pentastellati in studio in tv, si predilige il portavoce piuttosto che l’esponente di Largo del Nazareno. «Sono più preziosi, sono più inavvicinabili quindi si è disposti a fare dei compromessi», spiegano da qualche programma. Se prima per i 5 stelle l’incubo era il contraddittorio ora spunta una sorta di black-list. Guai però a chiamarlo elenco degli indesiderati. Piuttosto si tratta di linee guida: se ci sono quei cognomi in studio meglio declinare gentilmente l’invito. Insomma, altro che brusio, siamo davanti alla realtà. Se c’è Romano, il grillino non ci va.

LEGGI ANCHE: Quarto, i due incontri segreti dei big M5S (uno da Casaleggio e uno con la Capuozzo)

ANDREA ROMANO SGRADITO DAI 5 STELLE: PRONTA INTERROGAZIONE

A sollevare il polverone è stato, qualche ora fa, il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi. «Se corrispondesse al vero – ha dichiarato all’Ansa – che il Movimento 5 Stelle ha posto il veto, nelle sue partecipazioni tv, alla presenza del deputato del Pd Andrea Romano e che questo veto sia stato accettato da alcune trasmissioni del servizio pubblico, ci troveremmo di fronte ad una gravissimo vulnus del pluralismo, che andrebbe conseguentemente sanzionato». «Chiederò chiarimenti alla Rai – spiega – con un’interrogazione. E’ opportuno che venga verificato se alcuni talk show hanno ostracizzato il deputato Pd, sottostando ai diktat dei cinquestelle che non accetterebbero di essere stati spesso incalzati da lui sui problemi delle loro amministrazioni locali».

M5S: ANDREA ROMANO E LA BLACK LIST CON VERDINI E D’ANNA

Dall’altra parte si minimizza la questione: non si tratta di fobia, bensì di evitare una situazione da pollaio mediatico. Non solo: Andrea Romano non risulta l’unico ospite sgradito ai grillini. Secondo quanto riporta Ansa nella lista figura anche la pitonessa Daniela Santanchè, Denis Verdini, Antonio Razzi e Domenico Scilipoti. Certo, è facile notare come Andrea Romano abbia una cifra piuttosto diversa dagli altri componenti della “listra di proscrizione” a cinque stelle. Infatti, sembra proprio che l’ostilità verso Romano nasca dal fatto che il deputato dem in più di un’occasione ha messo in difficoltà i cinque stelle, costringendoli brutte figure in diretta tv. Senza arrivare a fare gazzarra, ma semplicemente mettendo in luce la loro impreparazione sui provvedimenti votati.

Basta seguire il caos che si scatena in aula per non replicarlo sul piccolo schermo. Chi provoca di più i 5 stelle? Vincenzo D’Anna, Lucio Barani e Antonio Azzollini: sarebbero loro i magnifici tre da evitare assolutamente nei salotti tv. In aula darebbero già troppo da fare.