Gli insulti contro la giovane morta dopo un aborto a Napoli

di Stefania Carboni | 13/01/2016

napoli aborto

«La castità è la più grande virtù. Sì era abbandonata ai cattivi pensieri … al male». E ancora: «Gli sbagli si pagano… abortendo, ha ucciso una vita». Sono questi alcuni dei commenti in rete alla notizia della morte della giovane ragazza dopo un intervento di aborto all’ospedale Cardarelli di Napoli.

LEGGI ANCHE: Gabriella Cipolletta, morta dopo un aborto: l’interruzione di gravidanza su consiglio del medico

NAPOLI: GIOVANE MUORE DOPO ABORTO.”FU CONSIGLIATA DAL MEDICO”

La ragazza, di 19 anni, è morta dopo aver subito la trasfusione di quattro sacche di plasma. Causa della morte sembrerebbe una emorragia interna. La giovane aveva deciso di abortire su consiglio del suo medico, come ha raccontato oggi Antonio Di Costanzo su Repubblica:

Sempre i familiari raccontano che la decisione dell’aborto era stata presa con grande sofferenza da Gabriella. «Ha scoperto di essere incinta — spiegano i parenti accorsi al Cardarelli — mentre stava seguendo una cura per sconfiggere una banale micosi. Le avevano detto che i farmaci che aveva assunto avrebbero potuto comportare dei rischi per la gravidanza». Da qui la decisione di ricorrere all’aborto, dopo essere passata attraverso il consultorio e gli assistenti sociali.
«Cercava di consolarsi. Diceva: tanto sono giovane. Era sicura di poter avere altri bambini — dice un’altra donna — invece se ne è andata a 19 anni quando aveva ancora tutta la vita davanti».

L’ospedale ha avviato un’inchiesta interna chiedendo l’esecuzione di un’autopsia mentre il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha inviato degli ispettori ministeriali per accertare le responsabilità. In rete però si giudica, senza alcuna umanità. Senza conoscere la storia di Gabriella.

guarda la gallery:

TAG: aborto, Napoli