casaleggio grillo
|

Quarto, i due incontri segreti dei big M5S (uno da Casaleggio e uno con la Capuozzo)

Nella fase più complicata del caso Quarto, il direttorio del Movimento 5 Stelle è stato protagonista di due importanti (e riservati) incontri: uno a Milano con Gianroberto Casaleggio ed uno con il sindaco del comune flegreo Rosa Capuozzo. È quanto emerge da un retroscena del Corriere della Sera a firma di Emanuele Buzzi, che ricostruisce le lunghissime cento ore dei big del partito di Beppe Grillo vissute tra venerdì e lunedì.

 

LEGGI ANCHE:
Quarto, Capuozzo intercettata: «Spero venga anche Di Maio, che è più duro di Fico»
Caso Quarto, Di Maio: «D’ora in poi liste M5S al vaglio dell’Antimafia»

 

QUARTO, IL SUMMIT DA CASALEGGIO

La prima riunione segreta (inizialmente programmata per venerdì) ha avuto luogo sabato mattina, nella sede della Casaleggio Associati. Presenti tutti i garanti M5S: Luigi Di Maio, Roberto Fico, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco e Carlo Sibilia. Scrive Buzzi sul Corriere:

È venerdì. Da un paio di giorni infuria sui media la vicenda di Quarto, ma all’inizio la soluzione al problema viene rimandata: c’è un summit a Milano alla Casaleggio associati in programma per lunedì 11. Il direttorio non è compatto: ci sono diverse posizioni sulla vicenda. I pragmatici, capeggiati da Luigi Di Maio, spingono per una soluzione politica rapida del caso: «Se ci sono dubbi meglio eliminare il problema alla radice. Non vogliamo che si creino idee distorte su di noi», è la filosofia. D’altro avviso i garantisti, tra cui spicca Roberto Fico: «A Quarto dicono che si sono comportati correttamente, meglio rimanere compatti e difendere Rosa Capuozzo». Il blog inizialmente sposa questa linea, ma la pressione cresce. Gli attacchi si fanno più pressanti e anche la necessità (interna) di una presa di posizione si fa sentire. Si decide di anticipare il meeting milanese a sabato. Il giorno successivo, di prima mattina, Di Maio, Fico, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco e Carlo Sibilia prendono un aereo dalla capitale per sbarcare all’ombra della Madonnina. Il summit, che coinvolge il direttorio e i garanti, è delicato: oltre a cercare di ricondurre il Movimento a una sola linea si valuta anche l’idea di chiedere a Capuozzo un passo indietro. Roberto Saviano ha già lanciato il sasso chiedendo le dimissioni della sindaca via Twitter e sulla Rete se ne discute. La prima cittadina di Quarto, però, è chiusa nel riserbo e risentita per essere stata esclusa dal vertice. Alla fine, prevale l’idea di sgombrare l’orizzonte da ogni dubbio a costo anche di un sacrificio doloroso. «Il Movimento si difende con scelte dure, che mai nessuno aveva preso prima d’ora»: è il concetto che Alessandro Di Battista sostiene e riprende poi in un suo post.

QUARTO, IL FACCIA A FACCIA CON LA CAPUOZZO

Il secondo summit riservato ha avuto invece luogo domenica pomeriggio, tra Capuozzo, Fico e Di Maio. Racconta ancora Buzzi sul Corriere:

Domenica pomeriggio va in scena lo strappo. Ed è proprio un atto degno di una pièce teatrale. Si svolge un incontro segretissimo tra Capuozzo da un parte e Di Maio, Sibilia e Fico dall’altra. I deputati insistono: «Rosa, ti chiediamo un gesto di responsabilità nei confronti del Movimento. Eventualmente, se vorrai, sosterremo la tua ricandidatura». Sono seduti a un tavolo insieme. La sindaca non si sbilancia. Proprio in quei minuti, però, sul suo profilo Facebook viene postato un video. «Devo essere chiarissima: non c’è nessuna intenzione di dimettermi. Ho il sostegno di tutto il Movimento, di tutti i cittadini di Quarto e le dimissioni non le ho prese in considerazione perché non ci sono i motivi», dichiara davanti alle telecamere. Gli esponenti del direttorio vengono avvisati all’istante. Di Maio si alza e lascia il tavolo. Con lui anche Fico e Sibilia, che commentano: «Che schifo». Si sentono traditi e decidono di rendere pubblica – dopo essersi confrontati con i fondatori – la richiesta di dimissioni avanzata da Grillo. Ecco allora la contromossa sul blog, per inchiodare il sindaco a una scelta di campo netta: dentro o fuori dal Movimento.

Poco dopo, in piazza, Capuozzo invita Fico e Di Maio in un’iniziativa pubblica a Quarto contro la camorra.

(Foto di copertina: ANSA / ANGELO CARCONI)