alessandro di battista quarto
|

Alessandro Di Battista: «A Roma le liste M5S saranno controllate dalla DDA»

«Non c’è stato un ordine di espulsione. Avevamo bisogno di analizzare per cinque giorni la situazione. i voti a Quarto possono esser inquinate. Sante intercettazioni, che le pubblichino sempre» così Alessandro Di Battista intervistato a Otto e mezzo interviene sul caso Quarto. «Pur riconoscendo che lei ha resistito lei però secondo noi doveva denunciare. E non ha denunciato. Io reputo che si debba dimettere».

LEGGI ANCHE: Quarto, Rosa Capuozzo espulsa dal M5S. Ma non si dimette. Di Maio e Fico pubblicano le conversazioni Whatsapp

ALESSANDRO DI BATTISTA SU ROSA CAPUOZZO

«Beh la conoscono hanno visto che ha resistito. A Quarto è vero che il comune è parte lesa. Le mafie ci provano, provano a infiltrarsi. Rosa non è stata condizionata, è una persona per bene. Però per il M5S per apparire onesti occorre esser onesti. Provi a dare un esempio rigido, sennò loro si infiltreranno», ha sottolineato il deputato. Il deputato parla di attacco del Pd, fatto per coprire la Banca Etruria. Il giornalista Marco Da Milano: «Mi spiega come De Robbio possa esser stato votato? E che abbia ricevuto tutti questi voti?». Di Battista replica: «Questo ci dimostra che…Non si elimina il rischio. Può entrare anche una persona, onesta che si contamina e ruba». «Come state scegliendo il sindaco di Roma?», chiede il cronista. «Abbiamo raccolto 240 candidature, abbiamo vagliato seguendo le nostre regole (fedina penale etc etc). Avere la certezza al 100 per cento che poi non commettano illeciti Da Milano è impossibile ma ridurre questo rischio, cosa che non fanno altri partiti, è possibile». Nella Capitale, annuncia Di Battista, le liste saranno vagliate dalla direzione distrettuale antimafia: «A Roma le liste 5 stelle saranno controllate dalla DDA».

Come sarà fatto questo controllo ancora non è chiaro. Inoltre il deputato ha specificato la sua posizione sul reato di clandestinità: «Va abolito perché non è utile»

(in copertina foto ANSA/CLAUDIO PERI)