David Bowie ucciso da un cancro al fegato: «Negli ultimi anni sei attacchi di cuore»

di Valentina Spotti | 12/01/2016

david bowie cancro

David Bowie è morto per un cancro al fegato. A rivelarlo, all’indomani della morte del cantante londinese, è Ivo Van Hove, regista dello spettacolo “Lazarus” in scena a New York. È il quotidiano britannico Independent a riportare le parole del regista: «Bowie ha continuato a scrivere anche sul letto di morte. Ho visto un uomo combattere. Ha combattuto come un leone e ha continuato a lavorare nonostante tutto. Ho un rispetto incredibile per tutto questo».

david bowie cancro
ANSA

DAVID BOWIE MORTO DI CANCRO AL FEGATO

Van Hove ha raccontato anche di un incontro con la stampa risalente allo scorso dicembre, per la promozione di Lazarus. Quella fu l’ultima volta che i due si videro:

I giornali avevano scritto che stava benissimo, che era in ottima salute. Ma quando ce ne siamo andati, è collassato. È stato allora che ho capito che quella avrebbe potuto essere l’ultima volta che l’avrei visto.

DAVID BOWIE: «SEI ATTACCHI DI CUORE»

Nessuno, a parte una cerchia ristretta di persone, sarebbe stato a conoscenza della malattia di Bowie. Lo stesso Van Howe ha riferito di averlo saputo circa un anno fa, ma che pochissimi sapevano che il “Duca Bianco” era malato. Non solo. Sempre l’Independent riporta le parole di Wendy Leigh, autrice di Bowie, la Biografia, pubblicata nel Settembre del 2014 che ha spiegato che negli ultimi anni il cantante avrebbe subito ben sei attacchi di cuore:

Non c’era solo il cancro. Come se questo non fosse già sufficiente ha avuto sei attacchi di cuore negli ultimi anni. L’ho saputo da una persona a lui molto vicina.

«DAVID AVEVA PREPARATO I SUOI CARI PER LA SUA MORTE»

Solo in pochi sapevano del cancro al fegato di David Bowie, eppure lui avrebbe cercato di preparare i suoi cari per il momento della sua morte. Continua la Leigh:

Credo che per Iman (la moglie, NdR), Duncan e Alexandra (i figli) sia stato un duro colpo, ma David li aveva preparati per questo momento, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno.

(Photocredit copertina: ANSA)