Rosa Capuozzo espulsione
|

Quarto: conto alla rovescia per l’espulsione del sindaco Rosa Capuozzo

Ventiquattro ore. Poco più, poco meno. Se Rosa Capuozzo non farà il passo indietro chiesto da Beppe Grillo sarà fuori dal Movimento. Lei non si dimetterà, assicura il suo legale da Quarto. La definisce serena, i carabinieri si sono presentati oggi nei suoi uffici e a casa perché ritenuta «parte lesa». Il diktat di Beppe Grillo però rischia di creare non pochi scossoni nel Movimento 5 stelle in Campania. Da San Gennaro Vesuviano a Ercolano in tanti si chiedono il perché della mossa del leader. E prendono le difese della “Rosa”. Anche a Roma.

A ROMA GALLO (M5S) DIFENDE ROSA CAPUOZZO

Lo fa Luigi Gallo, deputato del Movimento Cinque Stelle, con un post su Facebook: «Non essendo emersa ad oggi alcuna palese violazione delle norme giuridiche né del regolamento del Movimento 5 Stelle, del Sindaco, della Giunta e degli attuali consiglieri comunali del M5S non condivido la decisione comunicata tramite il blog di Beppe Grillo».

Ore 2.15 11 Gennaio 2015 – LA MIA POSIZIONE SUL CASO QUARTO…Sulla base dei fatti noti ad oggi, esprimo piena…

Posted by Luigi Gallo on Lunis 11 Ghennàrgiu 2016

Una linea diversa rispetto a quella auspicata dal vicepresidente alla Camera Luigi Di Maio. «Il Movimento ha un garante che è Grillo – ha precisato a il Corriere della Sera – lui dà il simbolo e lo toglie». Niente da aggiungere, così come Roberto Fico che in queste ore allontana ogni illazione sull’aver detto alla Capuozzo di andare avanti. «Il messaggio a cui si fa riferimento nell’intercettazione pubblicata è stato inviato da me al consigliere Nicolais che chiedeva spiegazioni sulla cacciata di De Robbio», precisa il presidente grillino della Commissione vigilanza Rai.

LEGGI ANCHE: Quarto, inchiesta su infiltrazioni della camorra: i carabinieri a casa del sindaco Capuozzo

VIA IL SIMBOLO M5S DA QUARTO

«Grillo non ha scaricato il sindaco, le ha consigliato di dare le dimissioni ma sicuramente ne parlerà con lei direttamente» ha ribadito il vicesindaco, Andrea Perotti. Quarto cerca un incontro con il leader. Incontro che difficilmente ci sarà. Anche se attivisti e i cittadini stanno con il sindaco il dado è tratto. Questione di ore e la decisione, comunicata via blog, sembra già presa. La strada più fattibile è quella della revoca del simbolo M5S. Capuozzo potrà andare avanti ma senza il logo del Movimento 5 stelle. Senza esser più grillina insomma. Una notte per riflettere, poco più. I cronisti hanno atteso il sindaco davanti all’uscita del comune. Lei, ora, si chiude in silenzio stampa. Evita i flash, esce dall’uscita secondaria. Poche ore e Quarto non potrà più esser un comune a 5 stelle.