L’ex consigliere 5 stelle e il comizio anticamorra: «Basta regalare poltrone. Noi siamo gli onesti»

di Stefania Carboni | 08/01/2016

giovanni de robbio

«Il paese è stato mortificato dalla camorra e dai camorristi. Noi non vogliamo queste persone, il sistema clientelare. Basta regalare poltrone, un “assessore a me uno a te”. In mano a questi dove andremo a finire. Noi siamo onestà, legalità, trasparenza, null’altro». Giovanni De Robbio parla così, con un filo di emozione, dopo i big come Di Battista in un comizio elettorale a Quarto durante la maratona elettorale. Presentato come un grande attivista è oramai ex consigliere M5S iscritto ora nel registro degli indagati per presunto tentativo di estorsione nel comune flegreo.
Le indagini su Quarto sono ancora in corso. Non è detto che l’esito porti a un processo in aula. Gli ultimi comizi di Quarto targati M5S stanno però in queste ore rimbalzando sui social, perché stridono con l’immagine mediatica in cui è finito ora il comune. «Una sola promessa vi posso fare – tuonava allora l’ex consigliere dal palco – portare questo paese alla normalità. E dico ai galoppini di questi signori state attenti. Le forze dell’ordine vi stanno addosso».

GUARDA ANCHE: E Fico disse: «Con noi Quarto marchio di onestà, assessori scelti in modo trasparente» / VIDEO

guarda il video: