armi usa bambina morta
|

Armi in Usa, una bambina di due anni muore per un colpo di pistola

Più controlli e agenti a livello federale per il controllo delle armi: è il piano di Barack Obama per creare un’America meno pericolosa, un’America in cui quanto è accaduto nelle ultime ore in Georgia non abbia a che ripetersi: sulla strada del presidente degli Stati Uniti c’è l’opposizione repubblicana, che ora però dovrà commentare i fatti di LaGrange, località della Georgia dove per colpa di un’arma lasciata incustodita è morta una bambina di due anni, rimasta uccisa dal colpo sparato da uno dei fratelli: una tragedia che ha per protagonisti quattro bambini sotto i dieci anni.

ARMI IN USA, UNA BAMBINA DI DUE ANNI MUORE PER UN COLPO DI PISTOLA

In casa, nella città ai confini dello stato del Peach State, c’erano due donne e quattro bimbi: di uno, di tre, di dieci anni e quella, colpita, due anni. Dinamica terribile quella narrata dai media americani.

La polizia di LaGrange ha risposto ad una chiamata di emergenza alle 16.20 e ha trovato Calvinyanna Sanders colpita al busto; è stata portata all’ospedale pediatrico di Atlanta Egleston. Due donne, fra cui la mamma di Calvinyanna, e tre bambini in aggiunta alla piccola erano nell’appartamento; un’indagine preliminare ha potuto stabilire che uno degli altri bambini – di età 1, 3 e 10 anni – ha trovato la pistola e ha accidentalmente sparato un colpo singolo. La polizia ha trovato una pistola nell’appartamento circa a 70 metri a sudovest di Atlanta anche se non ha reso noto quale bambino abbia sparato.

 

La Fox riporta come sia stata una delle bambine a chiedere ad un avventore di chiamare la polizia.

LEGGI ANCHE: Quante armi ci sono negli Stati Uniti? 

“Una bambina stava nel parcheggio e diceva, chiamate il 911, chiamate il 911, hanno sparato alla mia sorellina, hanno sparato a mia sorella”, racconta uno dei condomini; sono stati i vicini, spaventati, a chiamare il pronto intervento: “Ho sentito un sacco di persone che urlavano e piangevano e sono uscita e tenevano in mano un bambino, stava sanguinando”, dice un’altra vicina “che vive al di là dell’androne”.

La polizia, per ora, si riserva di “non rivelare” quale dei piccoli abbia sparato: “E’ stato un colpo accidentale”.

Copertina: Wikimedia Commons