Morta Natalie Cole, la figlia di Nat King Cole

di Boris Sollazzo | 01/01/2016

Natalie Cole morta

Un pessimo modo per iniziare il 2016. E non possiamo che definire Natalie Cole con il titolo del suo album più amato, venduto e premiato: “Unforgettable… with love” (14 milioni di copie vendute, 6 Grammy Award). Non era mai stata schiacciata dall’ombra del padre, il grande Nat King Cole, ma anzi lo ha onorato con interpretazioni della sua musica straordinarie, che proprio in quell’album hanno trovato successo di critica e pubblico.

LEGGI ANCHE: IL MONDO DELLA MUSICA DICE ADDIO A LEMMY DEI MOTORHEAD

“That sunday That Summer” come “Mona Lisa” sembravano scritte per quella voce che sembrava il complemento e il tributo ideale a quella del genitore. Ma forse oggi è struggente e bellissimo risentire “Too Young”. Perché Nat e Natalie se ne sono andati troppo presto: lui a 65 anni, per un cancro, lasciando la sua erede di sangue e di musica appena adolescente, 15 enne e all’inizio di una carriera che la vedeva già 11enne stupire tutti alle audizioni, accompagnata da papà. Rhythm’n’blues, smooth pop e infine gli standard del jazz che avevano reso celebre il padre sono stati i sentieri più battuti da quest’eterna ragazza che se ne va da questo mondo alla stessa età del papà.

Luogo e giorno del decesso, per ora, sono sconosciuti. La giornalista Maureen O’Connor ha dato solo notizia della dipartita – è noto però il suo trapianto di reni del 2009 – mentre la famiglia si è espressa solo con una nota breve ma sentita. “Natalie ha combattuto una fiera e coraggiosa battaglia, morendo così come era vissuta: con dignità, forza e onore. La nostra madre e sorella resterà indimenticabile (Unforgettable, ndr) nei nostri cuori” hanno scritto il figlio Robert Yancy e le sue sorelle Timolin and Casey Cole.
Fa male sapere che quella voce piena e potente, ma anche malinconica e dolente, in cui si sentiva tutta la gioia di fare musica ma anche il dolore di vivere – oltre alla prematura scomparsa di Nat King ha vissuto anche una pesante dipendenza dalla droga – ma soprattutto amore. Per l’arte e un uomo che le ha insegnato tutto.