Giubileo
|

Giubileo, pochi fedeli dal Papa: -30% dal 2014

Meno 30% in un anno, da 461mila a 324 mila tra dicembre 2014 e 2015. È il bilancio dei fedeli che hanno participato agli incontri pubblici del Papa, che sembrano non essere influenzati dalle celebrazioni solenni per il Giubileo. I dati ufficiali sono stati forniti dal Vaticano. Ne parla Andrea Gualtieri su Repubblica:

Le stime sono elaborate dalla Prefettura della casa pontificia, la struttura che si occupa dei biglietti e della registrazione di persone e comitive per gli eventi nei quali è prevista la presenza di Francesco e cioè udienze, celebrazioni liturgiche e recita dell’Angelus. Appuntamenti che si ripetono anche fuori dall’Anno Santo e che quindi permettono un’analisi confrontabile con il passato. Restano esclusi invece coloro che si mettono in coda per passare sotto alla Porta Santa, ma è lecito immaginare che gran parte dei pellegrini arrivati da fuori Roma abbiano associato il transito giubilare a uno degli incontri con il pontefice, anche perché il calendario pubblico di Bergoglio nei 31 giorni che chiudono il 2015 è stato fittissimo di impegni: 23 appuntamenti che hanno visto protagonista il Papa in diciannove diversi giorni, quindici dei quali dopo l’inizio ufficiale dell’Anno Santo, inaugurato nella basilica di San Pietro l’8 dicembre davanti a una folla che non ha superato, in quell’occasione, le cinquantamila presenze.

 

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: «La Chiesa ha tante macchie ma resta nostra madre»

 

GIUBILEO, I DATI DEL VATICANO SUL NUMERO DI FEDELI

A pesare sicuramente è l’effetto terrorismo. La paura di attentati nella Capitale frena la partecipazione dei pellegrini agli incontri con il Pontefice. In ogni caso le celebrazioni solenni del Giubileo sono state un argine al calo di presenze. Continua Gualtieri su Repubblica:

Proprio le celebrazioni solenni sono state un argine all’emorragia dei fedeli: la Prefettura vaticana ha contato in tutto 108mila persone alle funzioni durante il mese di dicembre 2015, contro le 21mila dell’anno precedente. Una partecipazione consistente si è registrata ad esempio domenica scorsa, per il Giubileo delle famiglie che, secondo le forze dell’ordine, ha richiamato attorno a piazza San Pietro e alla basilica altre cinquantamila persone. Segno positivo anche per le udienze: per quelle generali del mercoledì, in particolare, le presenze sono aumentate da 32mila a 44mila, per quelle speciali da 18.500 a 22mila. A crollare, invece, è stata la recita dell’Angelus che, nonostante il clima più mite delle medie stagionali, ha visto accorrere solo 150mila pellegrini contro i 390mila dello stesso periodo del 2014.

(Foto: ANSA / DANIEL DAL ZENNARO)