andrea appino the voice
|

Andrea Appino e la polemica con The Voice (secondo il grande capo Estiqaatsi)

Il mondo musicale è incredibilmente scosso da un avvenimento diventato sui social molto, molto virale. Andrea Appino, leader degli Zen Circus, ha pubblicato su Facebook la sua risposta alla redazione di The Voice che lo aveva contattato per un provino utile alla partecipazione del talent.

ANDREA APPINO CHI?

Apriti cielo. Se non conoscete Appino (che ha una carriera di tutto rispetto) ascoltatevi almeno Nati per subire.
Noterete che non è lo stile di Fabio Curto (forse non saprete manco chi è lui, l’ultimo vincitore del talent della Rai). La risposta del cantante degli Zen Circus è stata molto piccata. E lunga

Appino The voice
Leggete tutto con attenzione. In alternativa la sintesi è “Lei non sa chi sono io”

Ora, non è ben chiaro se sia stata The Voice a contattare direttamente Appino o Appino a mandare un demo a The Voice (per poi trollare la redazione). Provate a immaginare il poro XXXX, che magari non sembra avere una conoscenza musicale da Premio Tenco e che ha mandato un messaggio (magari standard) al cantante degli Zen. Senza verificare le attitudini neomelodiche di Appino o per dirla più seriamente la natura della band (cosa che definirei un po’ preoccupante).  Ecco i commenti sotto al post: c’è chi pensa bastasse “no grazie” e chi sostiene il cantante  con l’originalissima tesi “signora mia dove andremo a finire con la musica”

Il commento più sensato
Il commento più sensato

guarda la gallery:

ANDREA APPINO, THE VOICE E LA POLEMICA DEL BOH

Se avete letto il nostro articolo fino a qui complimenti. Appino ha voluto rispondere in modo legittimo per le rime alla redazione in questione. Ognuno è libero di far quel che vuole. Postarlo su Facebook o scriverlo sui muri dell’autogrill Cesena Nord. E prendersi le conseguenze. Certo, la redazione magari avrebbe potuto esser più furba, informata, avrebbe dovuto sapere a cosa andava incontro. Ma stiamo parlando di The Voice, non del Festival di Sanremo. Ufo,  il bassista degli Zen (e non solo) è intervenuto sulla stessa linea nei commenti. Qui un suo sunto:

“No grazie” e basta si risponde al telefono quando ti vogliono appioppare un’offerta di Sky, qui la cosa andava un attimo circostanziata…peraltro è scritto a chiare lettere che la risposta non è stata concisa PROPRIO in previsione di una sua pubblicazione. Metti caso che si sia voluto prendere lo spunto, il casus belli diciamo, per sviluppare una discussione più generale.
È un problema?
Cosa pensate che avrei risposto io, che non ho la televisione da 20 anni, non ho detto che non la guardo, NON CE L’HO PROPRIO.
È una lingua che non parlo, che non mi interessa parlare, sono cose che non mi interessano.

Diciamo che è un po’ come se la tipa più popolare della scuola ti invitasse alla sua festa di compleanno e tu, rigorosamente fuori dal giro, declinassi con un no grazie perché convinto che con quella gente non hai nulla a che fare. Legittimo. Però non capisco quanto senso abbia urlare ai quattro venti che la festa della tipa più popolare della scuola fa schifo. È la sua festa di compleanno, suvvia, manco ci vai: come fai a dire che schifo? Un po’ di rispetto.

Aspettate. Forse un senso ora c’è. Se avete letto sin qui ora sapete chi è Andrea Appino e Fabio Curto di The voice. Amen.

(in copertina)