E gli interpreti si rifiutano di tradurre la mafia rom: l’omertà delle traduzioni

di Tommaso Caldarelli | 29/12/2015

processo mafia rom interpreti

Processo agli Spada di Ostia, accusati di essere un clan mafioso imparentato con i Casamonica, altra dinastia che viene ritenuta una delle quattro famiglie della malavita impegnate a controllare la capitale: il procedimento si intasa. Perché gli Spada, di etnia sinti, parlano appositamente in lingua rom nelle conversazioni intercettate, così che sia estremamente più difficile per gli inquirenti venire a capo del quadro penale.

GLI INTERPRETI SI RIFIUTANO DI TRADURRE LA MAFIA ROM, ALLARME NAZIONALE

Chiaramente, per questo ci sono degli interpreti che in aula di Tribunale sono incaricati di leggere, e tradurre, le intercettazioni: senonché, gli stessi interpreti si rifiutano di presentarsi al dibattimento, per paura delle ritorsioni. Federica Angeli su Repubblica spiega.

«Il processo può subire uno stop: non ci sono interpreti disposti a tradurre i dialoghi in sinti tra gli imputati». L’allarme è rimbalzato da un’aula di tribunale al ministro della Giustizia Andrea Orlando: ci sono procedimenti penali e indagini che rischiano di arenarsi perché i traduttori in grado di comprendere dialoghi in lingua rom di clan della capitale non vogliono tradurre. Il caso finisce così in mano al ministro della Giustizia. È a lui che il presidente del tribunale di Roma Mario Bresciano si rivolge con una lettera-appello in cui spiega la difficile situazione che la procura di Roma si trova ad affrontare. «La questione degli interpreti che hanno timore di ritorsioni dei clan e dunque si rifiutano di tradurre è gravissima. Quando mi è stato rappresentato il caso ho scritto a tutti i presidenti distrettuali. I colleghi di tutta Italia hanno lo stesso problema. Chiedo dunque al ministro della Giustizia di intervenire. Basterebbe un cambio della normativa o un’estensione della legge riservata ai collaboratori sotto copertura per garantire anonimato a questi interpreti rom». La questione è assai complessa ed è scoppiata qualche mese fa quando in un’aula di giustizia, mentre si celebrava il processo per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso contro Carmine Spada, capoclan della famiglia rom di Ostia, cugino dei più noti Casamonica, il pm Mario Palazzi ha esposto il problema alla corte. Ovvero: molti dialoghi captati attraverso intercettazioni, appositamente fatti in lingua rom, non vengono tradotti. Meglio: gli interpreti hanno rifiutato di presentarsi in un’aula di giustizia al momento di dover confermare quanto da loro tradotto. Hanno paura e sanno che, una volta finito il lavoro con la Procura avranno ritorsioni pesanti da parte di questi personaggi malavitosi. Preferiscono quindi, come hanno riferito ai magistrati, essere denunciati per favoreggiamento piuttosto che essere presi di mira e sapere che prima o poi questi clan la faranno pagare cara.

 

 

LEGGI ANCHE: “Un esponente del clan Spada si è fatto le foto col cast di Suburra!”

Come scrive il presidente del tribunale romano, il caso si allarga un po’ a tutto il paese.

«È un problema enorme, che esiste e va assolutamente affrontato — sostiene Rodolfo Sabelli, presidente dell’Associazione nazionale magistrati — non riguarda solo Roma, in tutta Italia non si trovano persone disposte a collaborare con la giustizia quando si tratta di dialetto sinti. Il problema del rischio si pone per gli interpreti quando si tratta di lingue o dialetti particolari, parlati da comunità piuttosto ristrette. Gli interpreti sinti vanno tutelati con un intervento sulla normativa specifico che garantisca un regime speciale» . Stessa linea del presidente del Tribunale di Roma dunque, che è venuto a conoscenza della questione grazie a una comunicazione del giudice Adele Rando dopo la denuncia in aula del pm Palazzi. Presa carta e penna ha informato il suo superiore della battuta d’arresto all’importante processo contro il boss del clan Spada. Così il silenzio degli interpreti rischia di bloccare decine di inchieste contro la criminalità organizzata romana di etnia rom che governa con traffici illegali (a quanto dimostrano le indagini in corso e le condanne avvenute in passato) almeno due quartieri chiave della capitale. La partita sembra essere ora completamente in mano alla politica. «Ho già parlato col ministro Andrea Orlando e con la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi — ha spiegato il senatore dem Stefano Esposito — e voglio prendere un impegno serio nei confronti dei magistrati romani che stanno facendo passi da giganti in una città come Roma dove l’esistenza della mafia è stata per anni negata. È sconcertante che i clan rom la facciano da padroni e continuino a terrorizzare e intimidire chi contribuisce alla legalità, gli interpreti sinti nella fattispecie. Mi batterò perché vengano date risposte serie e concrete. È ora che lo Stato tiri fuori le unghie e dimostri che è più forte di loro» .