Santanchè
|

Santanchè: «A primavera la mia autobiografia. Renzi? Tradirà anche la Boschi»

Dalle manovre del centrodestra con le difficoltà di Forza Italia, il silenzio di Berlusconi e le candidature alle amministrative al governo Renzi passando per Verdini, chiudendo con i suoi nuovi progetti editoriali. Intervistata da Pietro Senaldi su Libero, Daniela Santanchè vuota tutto il sacco e annuncia che a primavera uscirà la sua autobiografia: «12-13 capitoli, ognuno dedicato a uno spaccato della mia vita, dalla maternità, alla politica, agli anni della formazione. Uno su Sallusti? Può essere, lasciamo un po’ di suspence». Tra i temi trattati dalla pitonessa il suo compagno, candidato ‘ufficioso’ al comune di Milano, ricorre spesso: «Per ora ha solo risposto a una richiesta di Berlusconi. Se non lo eleggono non credo avrà problemi occupazionali, è un giornalista di grande talento. Perché l’ho scelto? Ha tutto quello che non mi piace».

Vestito Santanchè
ANSA / MATTEO BAZZI

Gossip e notizie croccanti a parte – «Il vestito alla prima della Scala? Alessandro a casa ha detto che stavo benissimo» – si parla tanto di politica e di Berlusconi, accusato da più parti di essere troppo nell’ombra:

«È sempre ad Arcore perché ci sta bene. Per ora è defilato perché i tempi non sono maturi […]. Quando tornerà, si riprenderà voti e partito. Il problema è se ha voglia di tornare…Berlusconi è un genio; va preso, non interpretato. Quindi io non lo interpreto. Mi auguro che stia studiando uno dei suoi colpi di teatro per la rentrée. Ho fede che sia così»

Su Renzi è tranchant, come consuetudine. La prossima a essere scaricata dal premier sarà la Boschi secondo il Santanchè pensiero:

Già non si fa fotografare più con lei e alla Camera per la fiducia lui non è andato a mostrarle solidarietà anche se il voto favorevole era scontato. Ma il colpo di scena sarà sulla legge elettorale. Boschi, stai serena, mi viene da dire. […] È ormai chiaro che l’Italicum è un autogol e che se Renzi andasse al ballottaggio, Cinquestelle avrebbe serie possibilità di batterlo. Quindi, sei mesi prima delle elezioni, Renzi cambierà la legge, passando sopra la Boschi come uno schiacciasassi

Photocredit copertina ANSA/ RICCARDO ANTIMIANI