Banca Etruria, «fu modificato il profilo di rischio» al pensionato suicida

di Redazione | 24/12/2015

Banca Etruria

Emerge un particolare inquietante sulla morte del pensionato di Civitavecchia, suicidatosi dopo aver perso 100 mila euro per colpa del decreto Salvabanche. Due mesi prima di proporre a Luigi D’Angelo l’acquisto delle obbligazioni subordinate, i funzionari di Banca Etruria avrebbero modificato il suo «profilo». Ne parla Fiorenza Sarzanini sul Corriere:

Il livello di «affidabilità» sarebbe stato alzato per giustificare l’investimento ad «alto rischio» che dovrebbe essere invece consigliato soltanto a clienti istituzionali o comunque a chi è esperto nella materia e dunque sa che potrebbe perdere il capitale. E adesso bisognerà verificare se il pensionato — che si è suicidato il 28 novembre scorso disperato dopo aver saputo che i suoi 110 mila euro erano carta straccia — fosse stato informato delle possibili conseguenze. Per questo il pubblico ministero di Civitavecchia Alessandra D’Amore ha chiesto alla Guardia di Finanza di perquisire la filiale dell’Istituto di credito e sequestrare tutta la documentazione.

LEGGI ANCHE:

Etruria, perquisizioni dopo il suicidio del pensionato: perquisizione a Civitavecchia

E sopratutto…

L’indagine delegata al Nucleo Valutario mira a ricostruire ogni fase del rapporto tra D’Angelo e la banca. Ma soprattutto a capire quanti altri casi siano stati trattati in modo analogo, visto che dai primi controlli potrebbero essere più di cento i risparmiatori che avrebbero acquistato obbligazioni. Gli specialisti guidati dal generale Giuseppe Bottillo hanno acquisito il «fascicolo» del pensionato e avviato l’esame di tutte le altre pratiche in giacenza. Secondo i primi controlli la modifica del «profilo» sarebbe avvenuta nel novembre del 2012 e nel febbraio del 2013 avrebbe deciso di utilizzare in quel modo i suoi risparmi. Per questo i finanzieri hanno perquisito e interrogato Marcello Benedetti, il funzionario che nei giorni scorsi — in un’intervista rilasciata a Etrurianews — aveva ammesso di aver proposto a D’Angelo quel tipo di investimento.

(in coeprtina foto ANSA/FRANCO SILVI)