targhe alterne roma commissario stop totale
|

Targhe alterne Roma, il commissario pronto al blocco totale

Targhe alterne a Roma, il provvedimento di contingentamento del traffico continua a non funzionare e il commissario straordinario Francesco Paolo Tronca sembra essere pronto a salire di livello, studiando nuove misure per far rimanere il livello di polveri sottili sotto la soglia d’allarme: arrivando anche, se necessario, al blocco totale del traffico veicolare privato. Sarebbe allo studio uno speciale ticket da un euro e cinquanta, valevole per l’intera giornata sui mezzi pubblici dell’Atac.

TARGHE ALTERNE ROMA, IL COMMISSARIO PRONTO AL BLOCCO TOTALE

Ne parla il Messaggero nella Cronaca di Roma.

Oggi niente targhe alterne, ma ovviamente prosegue il blocco dei veicoli più inquinanti (benzina euro 1 e diesel euro 2). Fino al 25 dicembre ci si limiterà a questo provvedimento, mentre il 26 e 27 si farà il punto della situazione per verificare, dati delle polveri sottili alla mano, se hanno dato benefici la chiusura delle scuole e una diminuzione fisiologica del traffico nei giorni festivi. Si guarderanno anche le previsioni del tempo, poi si prenderanno decisioni che potrebbero avere differenti gradazioni. Prima ipotesi: riproporre le targhe alterne lunedì e martedì, con la speranza che sia sufficiente. Ma quella più solida è il blocco totale del traffico, che potrebbe avvenire subito dopo Capodanno (salvo che i dati dell’inquinamento non siano drammatici e allora si potrebbe anche anticipare al 27). Attenzione: nello scenario più catastrofico i giorni di blocco totale potrebbero essere anche più di uno. Parentesi: comunque per il 17 gennaio è già prevista una domenica ecologica, dunque stop del traffico, programmata a suo tempo dalla giunta Marino

 

Grazie anche ai fondi del ministero dell’Ambiente, sarà possibile pensare anche a misure “promozionali”, come appunto il biglietto Atac giornaliero.

LEGGI ANCHE: Targhe alterne a Roma, tanto non le controlla nessuno

Nei giorni di blocco o semplicemente nei giorni in cui lo smog sarà alle stelle, sarà introdotta la formula del ticket giornaliero. In sintesi: compri un biglietto da 1,5 euro e per tutta la giornata puoi usare metro e autobus. Ovviamente questo non si potrà fare sempre, perché Atac affonderebbe, però in alcune giornate potrebbe essere un’arma anti smog importante. Le previsioni dell’Arpa (agenzia regionale per l’ambiente) non sono promettenti. Anzi. Si teme che fino al 31 proseguano l’alta pressione e la stagnazione dell’aria, che significa polveri sottili e salute a rischio. La mappa dello smog previsto per il 26 dicembre è bruttina: il colore viola – pm 10 a livelli altissimi – ricopre una fetta di Roma a sud-est; e negli altri quartieri non va meglio, perché permane il rosso, che significa comunque smog fuorilegge.