Natale: cosa mangiare per mantenere la linea durante le feste

di Redazione | 19/12/2015

Natale

Natale. Si avvicina il 25 dicembre e inevitabilmente il momento del cenone è sempre più prossimo. Una “tappa” delle feste forse attesa da molti ma temuta da altri. Perché dopo i bagordi può accadere che vi sentiate gonfi, appesantiti, pieni di cibo. E questo può rappresentare un problema. Da affrontare al meglio.

Natale
LUCA CASTELLANI/ANSA

NATALE: EVITATE DI CONSUMARE GLI AVANZI

Il Mattino di Padova ha ripreso le parole di Maria Cristina Varotto, dietista del Centro medico Santagostino di Milano. La dottoressa ricorda che Natale, come da tradizione, è la festa dei pasti ipercalorici che non possono essere smaltiti nella loro interezza. «Nonostante il periodo di vacanza sia lungo, i giorni di festa sono pochi e solo in quelli è concesso consumare pasti ipercalorici rispetto alla quotidianità. Vietato consumare gli avanzi, chiedere il bis e lasciarsi andare agli spiluccamenti».

NATALE: NIENTE SALUMI E FORMAGGI, SI A VERDURE, ZERO PATATE

Per questo è opportuno, continua la dottoressa, scegliere menu a base di pesce e verdure invece che affettati e formaggi. Prediligere cotture al vapore, al forno, arrosto, invece che fritture e accompagnare i secondi con verdure e non con le patate». I condimenti devono essere a loro volta leggeri e sostenibili. Necessario quindi evitare il consumo di intingoli, salse e aggiungere olio alla pietanza impiattata. Così si evita l’assunzione ulteriore di grassi. Dolci? Solo uno, meglio il panettone, il meno calorico tra tutti quelli che si possono trovare sulla tavola del Natale.

 

LEGGI ANCHE: Il video dei Jackal che ricorda la magia del Natale

 

NATALE: DOLCI? SOLO IL PANETTONE. OK SOLO UN SUPERALCOLICO

E dopo il dolce, arriva il momento del brindisi. Scegliete, continua il dottor Varotto, uno-due bicchieri di vino durante il pasto o uno di spumante o un bicchiere di superalcolico. Importante anche il modo di mangiare. Bisogna masticare bene e mangiare lentamente, cosi da aiutare il corpo a raggiungere il senso di sazietà. Non bisogna dimenticare neanche di mantenere un «buono stato di idratazione consumando tra un litro e mezzo e due litri di acqua al giorno, ci aiuta a tenere a bada la voglia di eccedere. Inoltre per bilanciare i gli introiti calorici con il consumo energetico è vivamente consigliato approfittare dei giorni di vacanza per programmare delle passeggiate, anche solo da mezzora al giorno tutti i giorni».

NATALE, IL MENU DEDICATO

La dietista conclude con un menu salutare: antipasto con cestini croccanti di melanzane e zucchine; risotto allo champagne per primo; secondo di pesce come il branzino agli agrumi oppure di carne come l’arrosto di lonza con funghi; una porzione di panettone come dolce.

TAG: Natale