vladimir putin complottismo
|

Vladimir Putin immortale, e le altre teorie complottiste più belle sul presidente russo

Vladimir Putin è l’immortale protettore della Russia? In questi giorni sta circolando su numerosi siti una foto con tre immagini. La prima ritrae il presidente arrivato al Cremlino nell’ormai lontano 1999, la seconda e la terza invece riguardano due soldati dell’esercito sovietico che assomigliano moltissimo a Vladimir Putin.

VLADIMIR PUTIN COMPLOTTISMO –

Da quando la Russia ha iniziato a bombardare l’ISIS in maniera molto più dura e continua rispetto agli Stati Uniti in seguito agli attentati di Parigi e all’aereo Metrojet è nato un vero e proprio culto online nei confronti del suo presidente. Vladimir Putin è un capo di Stato particolarmente popolare nell’opinione pubblica conservatrice attratta dai movimenti nazionalisti e no euro, come il Front National di Marine Le Pen o la Lega Nord di Matteo Salvini, ma la popolarità dell’inquilino del Cremlino appare piuttosto trasversale. Una parte dell’opinione pubblica progressista è infatti ancora legata al mito della buona Russia dai tempi del comunismo sovietico. Questi orientamenti culturali e gli atti politici adottati dal Cremlino in materia di sicurezza e terrorismo spiegano il seguito adorante per Putin, che si manifesta in fenomeni nostrani come le bufale di Facebook a lui dedicate, oppure alle più strambe teorie complettiste su questa figura politica così importante.

vladimir putin complottismo

 

Due tabloid molto popolari come Bild Zeitung e New York Post hanno infatti riferito di una misteriosa foto che ritrae Vladimir Putin in ben tre diverse epoche storiche.

 

VLADIMIR PUTIN IMMORTALE –

La foto, apparsa sul sito Disclose.tv, è composta da tre immagini: l’ultima a sinistra ritrae il presidente russo in abiti militari. Nelle due fotografie a fianco si nota un soldato dell’esercito dell’Unione Sovietica, ritratto nel 1920 e nel 1941, in piena II guerra mondiale. I due soldati fotografati assomigliano davvero molto a Vladimir Putin, tanto che in rete sono spuntate teorie sulla sua immortalità. L’attuale inquilino del Cremlino sarebbe una sorta di imperituro difensore della Russia, ora nel suo ruolo di guida del Paese, mentre in precedenza combatteva nell’esercito sovietico. Vladimir Putin incarna il potere e la forza come forse nessun altro leader al mondo, e di conseguenza non appare così strano che ci sia chi creda all’immortalità del presidente russo. Secondo un’altra affascinate teoria complottista Vladimir Putin sarebbe in realtà la reincarnazione di Vlad II, detto Vlad Dracul, o il Drago, il principe della Valacchia che nel 1400 aveva organizzato la resistenza contro l’Impero Ottomano. Vlad Dracul era noto per la sua ferocia, visto che aveva l’abitudine di impalare i prigionieri delle forze nemiche, e ha ispirato la figura romanzesca del Conte Dracula.

 

vladimi putin complottismo

Quest’estate si era diffusa online un’altra tesi ancora più divertente sull’immortalità di Vladimir Putin: se si osserva bene questa foto, infatti, si nota come il presidente russo potrebbe davvero esser stato il modello di Leonardo da Vinci per la sua opera più famosa, “La Gioconda”.