|

La mappa del complottismo italiano online

La grande mappa del complottismo italiano realizzata da PVNMTT non mostra grandi sorprese, semmai conferma che a prescindere dalle aree d’interesse esiste un vasto numero di siti che raccoglie e diffonde materiale complottista senza discriminazioni di temi e qualità, dal Chupacabra agli Illuminati vale tutto.

 

Ingrandire (8 MB)
Ingrandire (8 MB)

 

LA GRANDE MAPPA DEL COMPLOTTISMO ITALIANO –

La mappa del complottismo italiano è facile e interessante da navigare nella sua versione interattiva e perfettamente adatta a mostrare estensione e legami dell’arcipelago complottista. Cone spiega l’autore: «pur essendo partito da un piccolo gruppo di pagine puramente complottiste, la rete si è automaticamente allargata fino ad includere pagine di informazione populista, razzista e antidemocratica, spacciatori di bufale e pseudoscienza, propinatori di clickbait, ecc.» Circostanza che conferma come a tenere insieme tutto questo variopinto gruppo di disinformati e disinformatori sia il bisogno di condividere credenze diverse da quelle imperanti, quali che siano. La mappa si naviga e legge intuitivamente, ma offre diverse possibilità e livelli di analisi:

 

Ogni cerchio, detto nodo, rappresenta una pagina su Facebook. Quando due nodi sono uniti con un collegamento significa che una di quelle due pagine ha messo “mi piace” all’altra, ma non è indicato il verso della relazione, ovvero non è possibile vedere quale delle due pagine a fatto “mi piace” (o se la relazione è reciproca).

Ogni collegamento tra i nodi è come un elastico, per questo le pagine con gusti simili (in termini di pagine piaciute) si ritrovano tutte vicine. Al contrario, le pagine che hanno poco o niente in comune sono distanti tra loro.

La dimensione dipende da un parametro chiamato authority e che rappresenta il numero di like ricevuti dalle altre pagine del grafo. Più un nodo è grosso e maggiori sono i like ricevuti e dunque la sua “autorevolezza”. Approfondimento: [2]

I colori sono stati attribuiti automaticamente dal software e ci permettono di individuare i cluster, ovvero dei gruppi di pagine affini tra loro. Ad esempio, tutte le pagine riguardanti le scie chimiche sono colorate di azzurro.

 

LEGGI ANCHE: Il misterioso complotto nascosto nei “codici americani” della tessera sanitaria

TUTTI I NODI PORTANO A DESTRA –

L’analisi dei nodi permette di confermare come i maggiori, in genere gruppi o pagine Facebook seguitissime, non facciano alcuna differenza tra un complotto e l’altro, riproponendo di tutto e comunque, ma permette ance di tracciare sicure radici nell’estrema destra per LoSai, InformarePerResistere e affiliati, tutti espressione di un ristretto gruppo d’estremisti di destra che dal complotto ebraico in già non se ne perdono uno. Presenza evidente anche all’interno della galassia più o meno ecologista, anche se pratica l’ecologia fantastica e in altri atolli dell’arcipelago. Anche qui niente di nuovo, l’estrema destra ha sempre amato giocare con i complotti, gli esoterismi e ogni genere di fantasia, che impiega come collante ideologico e come specchietto per attirare i meno attrezzati.