Bankitalia sta per «sanzionare gli ex vertici di Banca Etruria» (incluso il padre della Boschi)

di Redazione | 17/12/2015

Banca Etruria Bankitalia

Banca Etruria: in arrivo sanzioni da Bankitalia. Ne parla il Corriere della Sera in un pezzo a firma di Fiorenza Sarzanini:

I componenti del Consiglio di amministrazione di Banca Etruria sono stati sottoposti a procedimento disciplinare da Bankitalia. La pratica è ormai chiusa, entro qualche giorno le conclusioni saranno notificate e scatterà la procedura per l’invio delle controdeduzioni prima dell’erogazione delle sanzioni. È l’ultimo, clamoroso sviluppo delle verifiche effettuate sul dissesto dell’Istituto di credito toscano dagli ispettori della Vigilanza e adesso anche dalla magistratura. Nell’elenco ci sono l’ex presidente Lorenzo Rosi, l’ex vicepresidente Pierluigi Boschi, padre del ministro delle Riforme Maria Elena, e i consiglieri che hanno svolto l’intero mandato prima dell’arrivo del commissario. I componenti del Consiglio di amministrazione di Banca Etruria sono stati sottoposti a procedimento disciplinare da Bankitalia. La pratica è ormai chiusa, entro qualche giorno le conclusioni saranno notificate e scatterà la procedura per l’invio delle controdeduzioni prima dell’erogazione delle sanzioni. È l’ultimo, clamoroso sviluppo delle verifiche effettuate sul dissesto dell’Istituto di credito toscano dagli ispettori della Vigilanza e adesso anche dalla magistratura. Nell’elenco ci sono l’ex presidente Lorenzo Rosi, l’ex vicepresidente Pierluigi Boschi, padre del ministro delle Riforme Maria Elena, e i consiglieri che hanno svolto l’intero mandato prima dell’arrivo del commissario.

LEGGI ANCHE:

Banca Etruria, lo sfogo dell’ex presidente: «La mia coscienza è pulita. Sono sereno»

Il quotidiano parla della dettagliata relazione…

Sono numerose le contestazioni ai componenti del cda. La principale riguarda le pratiche di finanziamento «in conflitto di interesse» per 185 milioni di euro che hanno generato perdite per 18 milioni di euro. Irregolare, secondo gli ispettori, anche il premio al personale per due milioni di euro e la liquidazione al direttore generale Luca Bronchi – in carica dal 30 luglio 2008 al 4 maggio 2014 – che ha ottenuto una «buonuscita» da 900 mila euro.

(in copertina Banca Etruria sede storica Arezzo via Corso Italia. ANSA)