|

Banca Etruria, il piano della Boschi per uscire dalla bufera

«Se il mio caso viene considerato eccezionale possiamo votare la mozione di sfiducia sia alla Camera sia al Senato». Ma «l’importante è che le votazioni si tengano prima delle vacanze. Facciamo presto e usciamo da questa situazione». Sono le dichiarazioni che un retroscena di Repubblica attribuisce al ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, in questi giorni finita nella bufera per l’esperienza del padre ai vertici di Banca Etruria. L’opposizione attraverso mozioni di sfiducia chiederà le sue dimissioni. Lei chiede al governo un’accelerazione. Per votare prima delle vacanze. Scrive Goffredo De Marchis:

Il ministro, nella bufera per la vicenda della Banca Etruria, vuole arginare la marea con «un atto politico» che sia in grado di allentare, magari solo parzialmente, la tensione sul padre, sul fratello (che sono stati dirigenti nell’istituto di Arezzo), che sposti tutta l’attenzione solo su di lei e riduca l’assedio alla sua villetta di Laterina, agli abitanti della zona con le loro storie di risparmiatori traditi. «Io non ho problemi, neanche al Senato», giura la Boschi.
Ma Renzi non sottovaluta l’impatto della vicenda. Da Palazzo Chigi è arrivato un ordine di scuderia a tutto il Partito democratico, o meglio a quella larga fetta di renziani che lo guida. «Questa cosa la gestisco io personalmente. Evitate le interviste », è il messaggio del premier allo stato maggiore del Pd. Le brevi dichiarazioni dei singoli deputati vengono autorizzate da Renzi, ma ad esempio vanno evitate le uscite che di solito vengono affidate ai vicesegretari nei momenti di difficoltà. Vale anche per la Boschi, che avrà il suo momento per chiarire in Parlamento, vale per chi è più vicino al ministro. In questo senso assume un significato preciso il racconto che Renzi ha fatto alla Leopolda parlando della reazione di suo padre all’inchiesta che lo coinvolge. «Lui vuole rispondere ma io gli dico “zitto e guarda avanti”. La verità e il tempo sono dalla nostra parte».

(Foto: ANDREAS SOLARO / AFP / Getty Images)