Mafia Capitale, Massimo Carminati così sfuggiva alle intercettazioni

di Redazione | 16/12/2015

delirio abbate

Cammina, il processo Mafia Capitale: anche con quattro udienze a settimana, è difficile che la sentenza possa arrivare prima dell’estate. E gli avvocati sono già in rivolta: “Abbiamo anche altri clienti da tutelare”; il tutto per un procedimento che inizia, dopo settimane di fase preliminare, l’audizione dei testimoni dei magistrati del Pubblico Ministero: ieri ha parlato il maggiore dei Ros, Rosario di Gangi.

MAFIA CAPITALE, MASSIMO CARMINATI COSÌ SFUGGIVA ALLE INTERCETTAZIONI

La sua deposizione è raccontata dal Messaggero: il carabiniere racconta come si muoveva, Massimo Carminati. Come gestiva le sue relazioni e i suoi rapporti.

Intercettarlo era pressoché impossibile. Perché Massimo Carminati parlava poco al telefono. E se doveva partecipare a riunioni nella sede della cooperativa di Salvatore Buzzi imponeva di attivare il jammer come disturbatore. Ma ciò che fino ad ora non era emerso, nel dettaglio, è il duplice livello di sicurezza adottato dal Nero: cabine telefoniche pubbliche per la «cautela intermedia»; cellulari e schede telefoniche intestate a extracomunitari o a persone ignare e che Carminati distribuiva mensilmente per parlare di affari e di «penetrazione nel tessuto politico» con Buzzi, Carlo Pucci e Fabrizio Franco Testa. E’ solo con loro, vale a dire il ras delle coop, l’ex direttore commerciale di Eur Spa e il manager del giro della destra romana, che Carminati «interagiva per le comunicazioni più delicate» e con il massimo della cautela

Come iniziano le inchieste di Mafia Capitale?

LEGGI ANCHE: Mafia Capitale, il pasticciaccio brutto delle intercettazioni che inguaiavano Daniele Ozzimo

Una storia lunga due anni.

Carminati comincia ad essere ”attenzionato” dopo «informazioni confidenziali» che arrivano al Ros su un’attività di riciclaggio e che chiamano in causa il negozio della compagna del Nero, Alessia Marini. Il cerchio si allarga ai contatti con l’estrema destra romana (Riccardo Brugia, Maurizio Boccacci, Lorenzo Alibrandi e Mario Corsi). Ma è mettendo in collegamento gli spunti di altri inchieste – Fastweb-Telecom Italia Sparkle e appalti Enav – che gli investigatori avrebbero maturato il seguente convincimento: Carminati viveva a Sacrofano nella villa di Massimo Iannilli, il commercialista vicino a Lorenzo Cola, ex consulente estendo di Finmeccanica; quella villa rappresentava il prezzo che il commercialista aveva pagato all’ex Nar in cambio della protezione dalle minacce rivoltegli da Gennaro Mokbel, che rivoleva indietro gli 8 milioni di euro investiti nell’affare Digint. Insomma, da quei pedinamenti iniziali, si vengono a scoprire gli intrecci tra Carminati e l’imprenditore Agostino Gaglianone, vale a dire il ”committente” di Salvatore Buzzi nei lavori del campo nomadi di Tor de Cenci. Era settembre del 2012, due anni prima degli arresti che a dicembre del 2014 hanno travolto la capitale scoperchiando i devastanti intrecci tra mondo di sopra e mondo di mezzo.

(Photocredit copertina: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)